40 graNdi all’ombra (4) Grazie a PEPI MORGIA finalmente c’è in cielo “un regista come Dio comanda”

Quando, nel 2009, lo conobbi, di lui mi colpi il contrasto tra un aplomb aristocratico e la disponibilità curiosa verso l’altro. Non a caso il suo amico Fabrizio De Andrè lo chiamava “principe anarco-monarchico” ed il suo nome completo era Gian Luigi Maria Morgia dei conti di Francavilla. Questo, però, lo seppi dopo. Quel 23 ottobre 2009 per me era “solo” Pepi Morgia, regista del tour “De André canta De André” che quella sera Cristiano De Andrè avrebbe portato alLeggi altro

NAIF HERIN bissa il successo al concorso di STRADE DEL CINEMA

Le “Strade del Cinema” sono infinite. E tornano spesso a incrociarsi. E’ avvenuto ancor più facilmente nell’edizione 2011 dell’omonimo festival internazionale del cinema muto musicato dal vivo, che per il Concorso Giovani Musicisti Europei ha richiamato, a musicare dei “corti” di Charlot, alcuni dei vincitori delle precedenti edizioni. Tra questi Naïf Hérin, vincitrice dell’edizione 2003, che si è esibita al Teatro Romano il 10 agosto. «La mia carriera ha preso il la da quella vittoria.- ha confessato la cantautrice valdostana-Leggi altro

Sull’altalena emotiva di SIMONE CRISTICCHI alla Cittadella di Aosta

La seconda edizione del “Little City Contest” si è conclusa il 5 agosto con un concerto, alla Cittadella dei Giovani di Aosta, della valdostana Naïf Herin e di Simone Cristicchi. L’ultima volta del cantautore romano ad Aosta era stata il 3 giugno 2010, quando aveva vinto il Premio Mogol (ex aequo con Edoardo Bennato) per il testo della canzone “L’ultimo valzer”. In quell’occasione Mogol aveva commentato: «è una poesia che avrebbe potuto scrivere Charlie Chaplin, che sapeva come fare ridere eLeggi altro

Il villaggio universale di Naïf Hérin a BABEL

Alla base di “Tre civette sul comò”, il cd pubblicato recentemente da Christine Naïf Hérin, c’è il tentativo di portare il villaggio in cui la cantautrice valdostana vive in un contesto europeo. Nell’era del villaggio globale, teorizza, infatti, il ritorno ad un villaggio universale fatto di rapporti veri (“l’Italia generosa e premurosa” ricordata in “Annarosa”), di speranze che aiutano a superare i momenti tristi (“Una giornata triste”), di passioni capaci di accendere (“E’ l’inferno”).  Perchè in tempi di “grave solitudine virtuale”Leggi altro

“Tre civette sul comò”: il nuovo cd dell’artigiana della musica NAIF HERIN

Con la sua musicalità popolare, “Tre civette sul comò”, una delle filastrocche italiane più note, ha conquistato schiere di ragazzi. Dietro l’innocente cantilena cela, però, un fascino sfuggente che è stato, addirittura, oggetto di un saggio di Umberto Eco. Diversi piani di lettura ha anche il terzo cd di Naïf Hérin, in vendita dal 12 aprile, che, non a caso, si intitola proprio “Tre civette sul comò”. Non potrebbe essere diversamente visto che è il frutto maturo delle variegate esperienze cheLeggi altro

NAIF HERIN a SanremOFF

La cantautrice valdostana Christine “Naïf” Hérin non è nuova alla ribalta di Sanremo. Nel 2009 fu, addirittura, ospite del palco del Teatro Ariston a far, però, solo da cornice ai protagonisti del Festival in quanto era stata uno dei 90 selezionati di “Sanremo giovani” che non erano riusciti ad accedervi. «Ho partecipato più volte alla selezione per partecipare al Festival.- racconta Christine- Quest’anno, intuendo che non mi avrebbero preso, ho presentato una canzone che prendeva in giro la situazione. SiLeggi altro

Il tour di “Naïf” Hérin nelle Marche con Paola Turci e Musicultura

Almeno musicalmente, il “made in VdA” tira alla grande. Sfruttando, tra l’altro, le tre sole strade che i giovani musicisti pop attualmente hanno per emergere: il talent show televisivo (i “Kymera”), la band commerciale adorata dai ragazzini (i “Dari”) e il cantautorato di talento per un pubblico consapevole ( “Naïf” Hérin). Strada più lunga e tortuosa, quella imboccata da quest’ultima, che richiede una feroce determinazione. «Ho scelto l’autoproduzione- spiega Naïf– perché vendersi ad un agente o a un’etichetta che sceglieLeggi altro

Da QUART a QUARTO: l’onda lunga di Naïf Herin a “Quelli di Caterpillar”

  L’onda lunga di quello che si può, ormai, definire “fenomeno Naïf” sbarca in televisione. Oggi pomeriggio, alle ore 14.50, Christine Naïf Herin sarà, infatti, la specialissima musico-inviata della trasmissione “Quelli di Caterpillar”, che per tutti i sabati di giugno vedrà sulle frequenze di Rai Tre gli storici conduttori Massimo Cirri e Filippo Solibello e tutta la comitiva della popolare trasmissione radiofonica “Caterpillar“. Nella versione televisiva i due saranno affiancati in studio da Philippe Daverio, David Riondino, Federico Taddia, mentre sguinzaglierannoLeggi altro

Naïf Herin: la “Goccia” che scava la pietra

All’Auditorium del Parco della Musica di Roma Christine Naïf  Herin è ormai di casa. Dopo il concerto del 27 gennaio, c’è tornata il 13 aprile, ospite della cantautrice Paola Turci che presentava il suo “Giorni di Rose”, un cd declinato al femminile contenente composizioni di Carmen Consoli, Nada, Marina Rei, Ginevra Di Marco, Chiara Civello e, appunto, Naïf.  Il feeling tra le due musiciste è nato nel giugno 2009, allo Sferisterio di Macerata, in occasione della serata finale del premioLeggi altro

NAIF HERIN nel gotha delle musiciste italiane

Oltre che dei sempre più numerosi fans, Christine Naïf  Herin fa, indubbiamente, la gioia dei giornalisti musicali. Per il bell’aspetto, le indiscutibili qualità musicali ma, soprattutto, perché fucina inesauribile di notizie. Tutte buone, tra l’altro. L’ultima è che una sua canzone è stata inserita da Paola Turci in “Giorni di Rose”, un Cd tutto declinato al femminile che uscirà il prossimo 16 aprile. E’ l’ingresso ufficiale della cantautrice di Vignil nel gotha delle musiciste italiane, visto che, oltre a lei,Leggi altro