CD NEWS (6) – Le magiche alchimie di “Black Strawberry Mama”, il primo cd dei Nandha (2013)

Mai come per “Black Strawberry Mama”, il cd appena pubblicato dai valdostani Nandha, si può parlare di magia. Per la perfetta alchimia che lega i suoi tre membri, per un mucchietto di canzoni che mostrano di aver metabolizzato al meglio la lezione del southern rock-blues americano, ma, soprattutto, per l’alone di magia tout court che lega i dieci brani. «Il nostro nome– spiega il chitarrista Max Arrigo, leader del gruppo- si ispira ad una figura di fattucchiera che sta aLeggi altro

C’ERA UNA VOLTA (13) ARTURO JEMMA, un batterista tra le nuvole

Anche le morti più discrete e appartate, possono, grazie a Facebook, assumere il clamore e l’emozione, momentanea, del grande lutto. E’ quello che è successo il 21 novembre 2011 nel giro dei rockettari valdostani, per uno di loro, il batterista Arturo Jemma, deceduto quel giorno all’Ospedale Parini di Aosta. “Oggi si è spenta una luce…tutti noi siamo un po’ più poveri e un po’ più al buio… Ciao Artur!”, ha scritto il fotografo Luca Perazzone. “Ti saluto in silenzio”, haLeggi altro

Ad Aosta si brinda all’apertura di VINERITA con Barbera e il blues

Il CICAP, Comitato italiano per il controllo delle affermazioni sul paranormale, è un’associazione fondata nel 1989 da Piero Angela, Margherita Hack, Rita Levi Montalcini e Carlo Rubbia per sbugiardare ciarlatani d’ogni tipo e combattere superstizione e creduloneria. Una tessera ad honorem dovrebbe andare all’aostana Rita Vacchina che alle 17 di sabato 17 settembre ha inaugurato la sua vineria “VineRita” in Via Trottechien 17. «Non sono assolutamente superstiziosa.- ha ammesso- Anche perché 7 più 1 fa 8 che è un numeroLeggi altro

Il CHRISTMAS BLUES dell’ESPACE POPULAIRE

“Christmas Blues” è una sdolcinata canzone di Dean Martin, ma, anche, il nome di una sindrome che accompagna le feste natalizie di un numero crescente di persone. Il misto di tristezza, senso di solitudine e facile irritabilità che la caratterizza è conseguenza diretta della delusione che accompagna le ingannevoli promesse di amore e felicità della più crudele festa che ci sia. Il 23 dicembre scorso è stato Blues anche il Natale dell’Espace Populaire di Aosta, nel senso, però, di unaLeggi altro