Al Teatro Romano i KYMERA festeggiano la Valle d’Aosta e il loro primo anniversario

Il 4 settembre, sul palco del Teatro Romano di Aosta, Simone Giglio e Davide Dugros hanno festeggiato l’anno più straordinario della loro carriera artistica. Martedì 7 settembre 2010, infatti, i Kymera avevano iniziato, su Rai2, la loro avventura a X Factor 4. Una puntata che resta memorabile per il giudizio espresso dall’ “esperto” Cristiano Malgioglio che, dopo che avevano cantato “Frozen” di Madonna con qualche problema di intonazione, li “freddò” sentenziando: “per me sono senza talento, valgono meno di zero”. Passarono, invece, il turno, e, così, per altre 11 settimane, arenandosi solo alle soglie della finalissima del 23 novembre.

Dopo X Factor hanno pubblicato l’EP “Atlantide”, rieditato il cd “Argento e Nuvole” e girato l’Italia facendo concerti. Ad Aosta, in occasione di un miniconcerto per la Festa della Valle d’Aosta, hanno mostrato quanto queste esperienze abbiano portato ad una maturazione sia musicale che teatrale. Non hanno, quindi, avuto alcuna difficoltà a entusiasmare una platea di un migliaio di spettatori in cui spiccavano “kymerici” provenienti da tutta Italia. La scaletta, iniziata con la morriconiana “C’era una volta il West”, è proseguita con le loro “Planetarium” ed “Eden” per concludersi con le interpretazioni di cover di “Who wants to live forever” e “The phantom of the Opera” .

Oltre al talento, quale può essere stata la ricetta che vi ha permesso di uscire dalla Valle? «C’è stato un pizzico di fortuna e la determinazione nel seguire chiari obiettivi», ha risposto Davide. Può essere stato utile un “padrino” musicale come Enrico Ruggeri? «Indubbiamente, perché con la sua esperienza può dare utili consigli. Il rischio, però, è di esserne schiacciati, per cui i “padrini” vanno presi con le giuste dosi ed adattati alla propria identità artistica.» Quali sono i vostri programmi futuri? «Siamo in fase di scrittura e registrazione di nuovi inediti per un cd che sarà pubblicato l’anno prossimo e si svilupperà intorno al progetto “Utopia”, rivisitato con nuove collaborazioni e contaminazioni.»                                           

I KYMERA mettono in scena la loro “UTOPIA” a Pont-Saint-Martin

Non c’è nulla come il canto che sappia entrare in rapporto diretto con le emozioni e l’immaginazione. Un rapporto che sconfina nella magia, visto che come scrive Curt Sachs, «la parola latina “incantatio”, formula magica, deriva da cantare e la parola inglese “charm”, incantesimo, da “carmen”, cioè canto in latino». Sono tutte considerazioni che si sono potute toccare con mano nel corso del concerto spettacolo “Utopia” che il 28 maggio i Kymera hanno messo in scena, in prima nazionale, all’auditorium di Pont-Saint-Martin(AO). «Si tratta di un viaggio incantato- hanno spiegano Davide Dugros e Simone Giglio- che, attraverso atmosfere oniriche, vuole condurre gli spettatori nell’inconscio umano, in una dimensione ai confini tra realtà e fantasia.» Per farlo i due si sono avvalsi di una regia luci (molto fioche per ricreare il buio dell’inconscio), delle proiezioni multimediali di Valentina Nota (su un grande tulle posto tra il duo e gli spettatori), dei costumi ideati da Simone e, naturalmente, delle loro voci, il cui potere incantatorio è stato ampiamente sperimentato nel corso della partecipazione all’ultima edizione di “X Factor” (a Pont- Saint-Martin erano presenti i loro “colleghi” Nathalie Giannitrapani e Stefano Filipponi). Parlando all’immaginazione, le voci dei “Kymera” hanno il naturale sbocco in spettacoli multimediali complessi come “Utopia”, la cui riuscita è stata frutto di un lavoro matto e disperato e dell’apporto di molti amici. Tra questi Enrico Ruggeri, la cui voce narrante ha fatto da filo conduttore ai quattro quadri in cui Davide e Simone hanno diviso lo spettacolo. Più precisamente: la partenza per il viaggio dentro sé stessi; l’arrivo nell’inconscio dove si ritrovano aspetti dimenticati della propria personalità e la voglia di inseguire i sogni; il ritorno alla realtà forti dell’esperienza vissuta e della voglia di realizzarli e, infine, il coraggio di portare nella propria vita i cambiamenti avvenuti. “Avvolte dalle tenebre dell’ignoto ogni cosa assume forme ostili- conclude la voce di Ruggeri- Poi una voce accarezza i ricordi e dice: credo. E’ la voce della speranza, il motore che sprigiona il coraggio di ricominciare. Quello che in molti chiamano: AMORE”. Musicalmente il tema è stato sviluppato in quattro blocchi di canzoni, durante i quali, i Kymera, accompagnati dalle basi musicali, hanno eseguito tutto il loro cd “Argento e nuvole”, alcuni hit come “Atlantide” e “It’s beautiful day” e tre brani inediti. «In “Senza ritorno”- ha spiegato Davide- cantiamo di quanta poca importanza si dia al tempo, salvo poi lamentarsi di non averne mai. “La corte dei perché” parla, invece, di come molto spesso ci lasciamo dominare dalle domande senza essere in grado di trovare le risposte che ci permetterebbero di condurre la vita che vorremmo. In “Planetarium”, infine, sottolineamo l’importanza dei sogni e della capacità di lottare per realizzarli. Non c’è nulla di utopico se ci si crede e si lotta per ottenerlo, forti della speranza che l’utopia diventi realtà.»                                                                                  

I “KYMERA” ripartono dall’Alcatraz di Milano

Dopo che sono assurti alla ribalta nazionale grazie ai tre mesi di “prigione dorata” di “X Factor 4”, ecco che i Kymera cercano di rimanervi con un’intensa attività live che parte da un locale milanese che prende il nome da un celebre carcere americano di massima sicurezza. Domani, alle 23, parte, infatti, dalla discoteca “Alcatraz” di Via Valtellina “Kymera in Concerto”, un’ora e un quarto di covers internazionali rilette secondo lo stile di Simone Giglio e Davide Dugros ed eseguite con un gruppo formato da Fabrizio Palermo (basso e direzione musicale), Roberto Bruschi (batteria) e Danny Conizzoli (chitarra). I biglietti costano 16 Euro, ma si può ottenere una riduzione andando sul sito dell’Alcatraz nella sezione relativa agli eventi e stampando il tagliando: http://www.alcatrazmilano.com/nuovo/eventi.asp  «Ospitate a parte, è il nostro primo vero concerto dopo “X-Factor”- spiega Dugros- per cui ci saranno fans che arriveranno addirittura da Napoli. L’Alcatraz è un locale prestigioso, basti pensare che il 14 vi si sono esibiti Belle and Sebastian e dopo di noi sarà la volta di Giuliano Palma & the Bluebeaters. Metteremo in mostra tutte le nostre sfaccettature di interpreti, anche se la vera anima verrà fuori quando presenteremo la radio edit di “Eden”“Eden” è il singolo tratto dal cd di inediti “Argento e Nuvole”, pubblicato nel 2007 (all’Alcatraz si potranno acquistare alcune copie di quella versione) e rimesso in vendita sulle piattaforme digitali l’11 febbraio scorso. Del brano Francesca Nota sta realizzando un video clip che sarà presentato il 26 aprile nel corso di una puntata interamente dedicata ai Kymera di “L’importante è la salute”, condotto sul digitale terrestre di Sky da Rosy Velasco e Alessandro Farina. Sarà il loro ritorno al prime time televisivo, dopo la semifinale di “X-Factor” del 16 novembre scorso. «Le persone non vedendoti in televisione pensano che tu sia fermo. In realtà questo intervallo è stata la quiete prima della tempesta, perchè stiamo facendo di tutto e di più. Dal 12 aprile sono, per esempio, in prevendita su www.vivaticket.iti biglietti per l’anteprima di “Utopia”, il concerto-spettacolo costruito su nostre composizioni, che andrà in scena il 28 maggio all’Auditorium di Pont-Saint-MartinGrazie alla collaborazione con l’amministrazione del comune della bassa Valle, i Kymera nei tre giorni precedenti metteranno a punto sul palco dell’Auditorium uno spettacolo all’insegna di atmosfere oniriche create da un mix di musica, luci, proiezioni multimediali e costumi da loro ideati. Un viaggio nei luoghi misteriosi e fantastici dell’inconscio che avrà come guida prestigiosa la voce del loro “padrino” musicale Enrico Ruggeri. «Sarà uno spettacolo pieno di sorprese ed effetti scenici- preannuncia Dugros-in cui saremo le voci ed i corpi che daranno vita ad un mondo fantastico. Abbiamo scelto Pont-Saint-Martin perchè, essendo la “Porta della Vallée”, permette un accesso più agevole ai nostri fans piemontesi e lombardi. Ma in Valle abbiamo anche un’ospitata, il 25 giugno allo stadio “Puchoz”, nell’ambito dell’Aosta Sound & Jazz Festival

E’ su iTunes “ARGENTO E NUVOLE”, il cd di inediti dei KYMERA

I mass media hanno cambiato il mondo del’Arte: prima le opere erano frutto di riflessione, adesso di riflettori. Al punto che se, per assurdo, Beethoven scrivesse oggi la migliore delle sue sinfonie, sarebbero in pochi ad apprezzarla senza l’attenzione creata dai mass media. Nel suo piccolo ne è una conferma “Argento e Nuvole”, il cd di inediti appena pubblicato sul web dai valdostani “Kymera”. Il lavoro, che contiene 11 pezzi composti da Simone Giglio ed arrangiati da Davide Dugros (insieme al fratello Andrea), in realtà era già stato pubblicato nel 2007, ma fino al ritiro dalla vendita, prima della loro fortunata partecipazione a X-Factor, non era andato al di là di un limitato interesse in Valle. Messo in vendita sulle piattaforme digitali l’11 febbraio (giorno del compleanno di Simone) è, invece, entrato in un giorno nella top ten di iTunes (che vende, in esclusiva, la versione con la cover dell’”Adagio” di Albinoni). Un risultato inaspettato, ottenuto senza promozione, che non era stato raggiunto neanche da “Atlantide”, l’inedito, composto da Fabrizio Palermo ed Enrico Ruggeri, lanciato dai Kymera ad X Factor. «C’è un momento giusto per ogni cosa- afferma Davide- Noi non siamo cambiati e il cd è lo stesso, ma, evidentemente, era questo il momento per uscire nella nostra veste cantautoriale. L’altra faccia di quello che alcuni definiscono “successo facile” è che la televisione tende ad appiccicare una etichetta che è difficile scrollarsi di dosso e cancella quello che hai fatto prima. Per fortuna abbiamo un pubblico di fans che usa la testa e aspettava questo prodotto per conoscerci meglio.» Nel cd la loro ben nota bravura di interpreti è messa al servizio di melodie che si imprimono in testa come “Eden”, “Se Venere vorrà”, la title-track “Argento e Nuvole” e, soprattutto, “Custode dei sogni”. Pezzi che parlano all’immaginazione anche grazie ad arrangiamenti attenti alle sonorità della world music e dell’elettronica. «La cornice sognante ci permette di far passare messaggi che non sempre la gente vuole sentire- confessa Davide- Abbiamo cercato di raccontare la storia del viaggio interiore di un uomo, che cerca di trovare sé stesso tra realtà e sogni. “Argento” sono le cose preziose e tangibili che a volte tralasciamo per inseguire cose irraggiungibili come le “nuvole”, per cui nella canzone omonima concludiamo di stare attenti a non perdersi tra le nuvole, cavalcando sì il sogno ma tenendosi ben stretta la realtà». Il naturale sbocco del Cd sarà uno spettacolo multimediale che dovrebbe debuttare in tarda primavera. I primi di marzo partirà, invece, la tournée “Kymera in concerto” con cui gireranno i locali italiani interpretando covers con un trio guidato da Fabrizio Palermo. Prosegue, inoltre, la promozione di “Atlantide” che li vedrà esibirsi il 27 febbraio a Massa ed il 3 marzo, a Caserta. Sarà con loro Nathalie Giannitrapani, grande protagonista del 61° Festival di Sanremo con “Vivo sospesa”. «Ci sentiamo tutti i giorni.-confessa Davide- Tifiamo per lei e le abbiamo pronosticato che, come ha vinto X Factor, così vincerà Sanremo.»