Il talento “poliforme ed eclettico” di RAPHAEL GUALAZZI incanta Aosta

Il 14 dicembre il cantautore Raphael Gualazzi è tornato in Valle. Per la prima volta in un comodo teatro, lo Splendor, e non in situazioni estreme come sono stati i 2300 metri del lago di Chamolé, a Pila, dove, nel luglio 2013, si esibì per Musicastelle Outdoor, o la rigida temperatura del Maserati Mountain Lounge, dove, nel dicembre 2016, aprì la stagione invernale di Courmayeur.«Amo la montagna e sono affascinato dai paesaggi e dalle condizioni estreme.– ha confidato il trentaseienneLeggi altro

VINICIO CAPOSSELA e i cerini di SANTE NICOLA infiammano lo Splendor di Aosta

“Sant’Orso in Aosta protettore contro i soprusi dei potenti”. In Valle pochi lo sapevano, e, più che altro, nessuno se n’era accorto (della protezione). Ha rimediato Vinicio Capossela, che la sera del primo dicembre, sul palco del Teatro Splendor di Aosta, ha snocciolato tutte le virtù di Sant’Orso e San Grato, protettori anche “contro la siccità, le malattie del bestiame, le intemperie, le alluvioni, i parti difficili, i reumatismi e il mal di schiena”. «Questo tour “Ombre nell’inverno” è sottoLeggi altro

“Gracias a la vida”, successo per l’omaggio aostano alla grande VIOLETA PARRA

Ad un un secolo dalla nascita e a cinquant’anni dalla morte, la cantautrice cilena Violeta Parra è ancora viva nel ricordo di molti. Grazie all’opera della Fondazione Violeta Parra fondata dalla figlia Isabel, grazie al film “Went to Heaven” realizzato nel 2011 da Andrés Wood, ma, soprattutto, grazie alle sue canzoni. A partire dalla celebre “Gracias a la vida”, considerata il suo testamento spirituale, visto che la inserì nell’ultimo album pubblicato pochi mesi prima che si suicidasse per una graveLeggi altro

C’ERA UNA VOLTA (33)- Quando NANNI SVAMPA cantò BRASSENS ad Aosta

“Pour Nani Svampa avec mon amitie et un grand mercì pour ses traductions-Georges Brassens”. E’ la dedica scritta dal grande cantautore francese sulla copertina di un suo disco regalato al suo più grande cultore italiano: Nanni Svampa (Milano 28 febbraio 1938- Varese 26 agosto 2017). « Lo conobbi personalmente solo nel 1973, – mi aveva raccontato- dopo che da 8 anni gli spedivo i miei dischi con le traduzioni delle sue canzoni in milanese che avevo iniziato a fare nelLeggi altro

Il concerto di Francesco GABBANI a Saint Marcel manda in tilt l’organizzazione di Musicastelle Outdoor

E’ venuto in Valle lo scorso inverno per sciare e vi è tornato sabato 22 luglio per fare un concerto ai 1600 metri di località Les Druges di Saint-Marcel per Musicastelle Outdoor. Nel frattempo la carriera di Francesco Gabbani ha avuto un colpo d’ala incredibile grazie all’affermazione, l’11 febbraio, al Festival di Sanremo con “Occidentali’s Karma” che in due settimane ha ottenuto il disco di platino ed in un solo giorno superato i 4 milioni di visualizzazioni. Il trentaquattrenne cantautoreLeggi altro

Il “secondo cuore” di PAOLA TURCI batte ai 1850 metri dell’Alpe Massoquin

“E quando me ricapita più!” Così Paola Turci ha concluso il suo concerto ai 1850 metri dell’Alpe Massoquin, sopra Champoluc , dove ha aperto la rassegna Musicastelle Outdoor 2017 organizzata dall’Ufficio regionale del Turismo. E, in effetti, oltre a Fernando Pantini (chitarre), Roberto Procaccini (tastiere), Pier Paolo Ranieri (basso e contrabbasso) e Fabrizio Fatepietro (batteria e sequencer) questa volta con leì grande protagonista è stato il paesaggio incontaminato delle vette del gruppo del Monte Rosa che si ammirava alle sueLeggi altro

LA BRIGADE canta (e suona) GAINSBOURG

Il loro nome, La Brigade, richiama una delle canzoni, “Brigade des stups” (squadra antidroga) di Serge Gainsbourg. Non a caso, visto che sul repertorio del cantautore francese sono incentrati i concerti di una formazione di recente costituzione ma formata da veterani che da anni orbitano intorno a L’Orage. Gente come Marc Magliano (chitarra e canto), Luca Moccia (contrabbasso), Florian Bua (batteria) e Diego Benato (percussioni). «L’idea è nata grazie alla passione per Gainsbourg che abbiamo io e Marc.– racconta Moccia-Leggi altro

“S’ignora”, il progetto sinestesico di Giovanni CACCAMO e Giovanni ROBUSTELLI, chiude, ad Aosta, Les Mots

L’ottava edizione di “Les Mots – Festival della Parola in Valle d’Aosta” si è chiusa il 1° maggio con il progetto “sinestesico” che ha mischiato la musica di Giovanni Caccamo con la pittura di Giovanni Robustelli nella cornice aostana della neoclassica Piazza Chanoux. Una delle “bellezze nascoste” italiane che sta toccando il loro tour “S’ignora” che, non a caso, è stato patrocinato dalla Commissione Italiana per l’UNESCO (è il suo Comitato Giovani valdostano ad averlo promosso ad Aosta). Il suo stesso nome,Leggi altro

SUCCESSO (non nel senso di participio passato) di NICCOLO’ FABI allo Splendor di Aosta

In Valle è venuto raramente, ma ogni volta è stata un’esperienza indimenticabile. Come per l’intimo Acoustic Cafè che, nel giugno 2012, tenne nella Piazza di Gola del Forte di Bard col giornalista Ezio Guaitamacchi. O il concerto del luglio 2015 ai 1500 metri di Ozein, interrotto da un violento temporale mentre cantava “L’amore non esiste”. Ha lasciato il segno anche il concerto che, la sera dell’8 febbraio, il cantautore romano Niccolò Fabi ha dato al Teatro Splendor di Aosta perLeggi altro

ALLE PRESE CON UN (NON PIU’) VERDE CANTAUTORE: i miei incontri con PAOLO CONTE

Alcuni Flash delle mie interviste al Maestro Paolo Conte. Domenica 14 agosto 1994 – Teatro Romano di Aosta Sessantamila lire per i posti migliori, cinquantamila per gli altri. Il prezzo del biglietto d’ingresso, insolitamente alto per una Valle d’Aosta dove l’intervento pubblico lo ha sempre calmierato, provocò alti lai da parte dei numerosi e fedelissimi seguaci valdostani di Paolo Conte combattuti tra il salasso economico e l’irresistibile voglia di rivederlo a due anni di distanza dall’ultima esibizione in terra valdostana(aLeggi altro