Ad Aosta i dandy congolesi de La Sape visti da les soeurs Chevalme.

Chevalme P1100909.jpgBien saper, bien coiffer, bien parfumer”. Le parole della canzone “Matebo” del congolese Papa Wemba, che ne è stato uno degli ideologi, sintetizzarono, nel 1979, la filosofia che caratterizza La Sape (abbreviazione di Société des Ambianceurs et des Personnes Élégantes), il movimento sociale nato a Brazzaville che ha visto dandy congolesi mischiare la moda francese con elementi appariscenti della propria tradizione, creando uno stile che, da segno di status, si è trasformato in rivendicazione di identità e, durante la dittatura Mobutu degli anni Settanta, in aperta ribellione.Chevalme P1100889.jpgI sapeur hanno ispirato alle sorelle francesi Élodie e Delphine Chevalme le opere fino al 15 aprile si possono ammirare nella Sala espositiva della Finaosta nella mostra curata da Patrizia Nuvolari, in collaborazione con l’Amministrazione regionale e l’Alliance française, nell’ambito delle Journées de la Francophonie. IMG_8686.JPGLa maggior parte dello spazio espositivo è occupato dalle serieGreffes de l’Histoire, Histoire de Griffes” in cui le trentasettenni gemelle francesi hanno ritratto i sapeurs in undici coloratissimi acrilici su carta intelata e in otto fotografie stampate su teli di alluminio, gli stessi che servono da coperte di sopravvivenza ai migranti che attraversano il Mediterraneo. «Come i migranti– scrive nel catalogo la Nuvolari- anche i sapeurs compiono un loro viaggio, questa volta immaginario, verso un altrove dove possono sentirsi riscattati da una condizione di povertà ed essere felicemente Qualcuno. Sono immagini indecorose, macchiate, contaminate dal supporto insolito che le rende poco leggibili, poco “belle”, così come lo sono i migranti nella loro disperata ricerca di una redenzioneNuvolari P1100892.jpgSu una parete dell’ingresso sono, invece, disposti i “Papiers Ordinaires”, nove coloratissimi ritratti a pennarello su carta di BouBoys, giovani africani che vestono all’occidentale, incorniciati coi tipici tessuti africani dai disegni bizzarri conosciuti con il nome di Wax, frutto della contaminazione coi batik giavanesi. Nadia P1100915.jpg«Il nostro interesse per l’Africa– hanno spiegato le sorelle Chevalme- è dovuto al fatto che, come popolo francese, abbiamo una storia in comune con gran parte dell’Africa. E, proprio per questo, non dovrebbe costituire un fardello solo per la cosiddetta “gente di colore”. Il nostro sguardo è variopinto e vitale come è vitale tutto ciò che nasce dall’ibridazione tra le culture, mettendo continuamente in discussione ogni definizione precostituita di cultura e nazioneNuvolari P1100894Nuvolari P1100807.jpgNuvolari P1110790.jpgNuvolari ok P1110793.jpgGaetano 2018-04-03-PHOTO-00000102.jpg

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...