La musica risuona per la prima volta nell’Area Megalitica di Aosta

Se il tempo, come ripeteva Sant’Agostino, è solo una dimensione dell’anima, la musica può, sicuramente, dargli tridimensionalità. E’ quanto è successo il 30 luglio, nell’Area Megalitica di Saint-Martin de Corleans, ad Aosta, uno dei più interessanti siti archeologici in Europa, che custodisce le testimonianze di quasi cinque millenni di storia, dai momenti finali del Neolitico ai giorni nostri. Inaugurata il 24 giugno, l’Area ha, infatti, ospitato per la prima volta un concerto organizzato nell’ambito della rassegna Aosta Classica che daLeggi altro

Il folle chitarra-bar di Raiz e Fausto Mesolella al Teatro Romano di Aosta

La sera del 28 luglio il duo formato dal cantante Raiz e dal chitarrista Fausto Mesolella è tornato in quel Teatro Romano di Aosta dove è nato. Era il 23 agosto 2009, e, per celebrare la “restituition” del Teatro dopo 24 anni di restauri, vi si tenne un omaggio ai Pink Floyd con una band, capitanata dalla pianista Rita Marcotulli, di cui i due musicisti campani facevano parte. «Fu in quella occasione che a Rita venne l’idea di affidarci unLeggi altro

Le pietre miliari di GINO PAOLI tra le antiche pietre del Teatro Romano di Aosta

Alle antiche pietre valdostane Gino Paoli è abituato. Era il luglio 2007, quando, tra quelle del Castello reale di Sarre, portò il progetto “Milestones” (pietre miliari, tanto per cambiare) in cui interpretava alcuni suoi classici senza tempo con alcuni dei migliori jazzisti italiani. Tra quelle del bimillenario Teatro Romano di Aosta il 27 luglio ha, invece, portato, per “Aosta Classica”, il concerto “Due come noi che” che ne è un po’ la prosecuzione, con, ad accompagnarlo, il pianista Danilo Rea,Leggi altro

VAURO Re per un giorno al Castello La Tour de Villa di Gressan

Ho visto un re. Era il 17 luglio scorso, e in un castello, La Tour de Villa di Gressan, seduto su un trono, ha ricevuto il premio “ò visto un re”, ideato dal caricaturista valdostano Francesco “Claudiò” Puglia. Perché, seppur della satira politica e di costume, ma Re, il sessantunenne Vauro Senesi, in arte Vauro, indubbiamente è. Lo conferma il livello delle 1300 vignette contenute in “Tutto Vauro, sessanta mi dà tanto”, l’antologia, edita da Piemme, presentata nell’occasione a Gressan insiemeLeggi altro