Il mago della pioggia NICCOLO’ FABI incanta Ozein per “Musicastelle Outdoor”

1 Fabi P1050050 copy

1 Fabi Schermata 2015-07-19 alle 08.55.26 1 copy copy«Usando il titolo della canzone di un gruppo che è molto in voga nell’ultimo anno, direi che è “il padrone della festa” a decidere per noi cosa succederà. Noi rispettiamo le sue decisioni, certo che se ci da una mano siamo tutti più contenti.»

Non è servita a molto la formula propiziatoria usata da Niccolò Fabi per aprire il concerto che il 18 luglio ha tenuto in frazione Ozein di Aymavilles per la rassegna “Musicastelle Outdoor. Il “padrone della festa” non ha, infatti, ascoltato il cantautore romano e la meravigliosa cornice naturale agli oltre 1500 metri di località Vers le Pré si è trasformata in una “rogna” per l’arrivo di una pioggia insistente che, trasformatasi in un vero e proprio temporale, lo ha costretto interrompere a metà il concerto, con una subacquea “L’amore non esiste”, finita “un po’ così” tra un “porco Giuda” ed un saluto “a Daniele (Silvestri) e Max (Gazzè) ovunque voi siate”.

Dopo avere condiviso coi due compari un anno straordinario, nato con il cd “Il padrone della festa” e culminato con il concerto all’Arena di Verona, Fabi ha deciso, infatti, di tornare sui palchi estivi in veste acustica, in parte da solo ed in parte, come nel caso di Ozein, con lo GnuQuartet

1 Fabi Schermata 2015-07-19 alle 09.12.46

«Questo tipo di concerti, a contatto con la natura, mi piace perché è fuori dalla liturgia del concerto.mi aveva spiegato prima del concertoCredo, poi, che un artista come me, che ha una chiave di comunicazione più diretta e fa un genere musicale meno costruito, possa darvi il meglio di sé

1 Fabi Schermata 2015-07-19 alle 09.12.16 1Così, finché il tempo lo ha permesso, è stato (anche se da un certo punto in poi gli applausi sono diminuiti “perché con gli ombrelli aperti non si può battere le mani“). Il merito è, indubbiamente, del talento di questo quarantasettenne musicista nel confezionare i tanti gioiellini disseminati nei suoi sette cd solisti (l’ultimo, “Ecco”, risale al 2012), in cui ha saputo sempre muoversi in miracoloso equilibrio tra la leggerezza delle ambientazioni musicali e testi anche molto duri.

Pezzi come “Offeso”, “E’ non è”, “Il negozio di antiquariato” o “Giovanni sulla terra” (scritta ed interpretata con un dulcimer regalatogli per il compleanno dello scorso anno). O, ancora, “Una buona idea”, in cui si è emozionato trasformando uno dei ritornelli “mi basterebbe essere padre di una buona idea” in un commovente “mi basterebbe essere padre” che in molti hanno associato al ricordo della figlia Olivia morta, nel 2010, a soli 22 mesi.

1 Fabi 72749_3910502733133590850_n«Anche se nei concerti il pubblico cerca sempre più spesso i pezzi ritmati che fanno ballare, sono le canzoni più struggenti  quelle che nella vita di tutti i giorni rimangono come le canzoni del cuore. Hanno, sicuramente, una radiofonia inferiore rispetto ai canoni imperanti, ma sono quelle di cui le persone hanno bisogno nei momenti intimi. I più pigri si accontentano di quello che passa il convento, ma gli interessati le andranno a cercare.»

E’ quello che hanno fatto il migliaio di persone che sono salite a Ozein e, almeno i fedelissimi, sfidato il temporale stringendosi con lui sotto il gazebo che faceva da palco per sentirlo ripetere “ma esistiamo io e te e la nostra ribellione alla statistica, un abbraccio per proteggerci dal vento, l’illusione di competere col tempo.”

Molte le donne, grandi estimatrici del mix di delicatezza e sensualità del suo mondo sonoro. «Nei miei pezzi è molto importante la componente ritmica. mi aveva, non a caso, spiegato- Anche in quelli dove percorro vie più poetiche ed intime e dove è mimetizzata nelle pieghe dello sviluppo melodico e dell’armonia. E’ la parte più sensuale e pelvica della mia musica che ha fatto sì che un mio amico mi abbia definito “poeta pelvico”

1 Fabi Schermata 2015-07-19 alle 08.44.34 copy copy

1 Fabi P1050008