QUELLI CHE IL JAZZ…le jam sessions all’Espace Populaire di Aosta

1 Jam IMG_4748

1 Jam IMG_4748

1 Jam IMG_4754La più feroce battuta sul jazz, “il jazz è come una scorreggia. Piace solo a chi la fa”, sembra l’abbia fatta proprio un jazzista, il sassofonista John Coltrane. Quasi a sottolineare quanto sia, spesso, una musica di nicchia, fatta ad uso e consumo dei jazzisti. Spesso ma non sempre.

Sta cercando di dimostrarlo un gruppo di jazzisti valdostani che da due anni si ritrovano mensilmente all’Espace Populaire di Aosta per delle jam session aperte a tutti: musicisti e pubblico.

«Tutto è è partito dagli allievi del Laboratorio Jazz della SFOM.- spiega il pianista e sassofonista Augusto Favre- Grazie alla disponibilità dell’Espace ci ritroviamo un paio di volte al mese per avere l’opportunità di suonare insieme e, mettendoci in gioco, imparare

1 Jam IMG_4750

 

Rispetto ad altri tentativi precedenti presto esauritisi, sembra che l’esperienza abbia preso piede, coinvolgendo, a turno, una ventina di musicisti locali.

1 Jam IMG_4752Si va dagli storici Alberto Faccini, Beppe Barbera, Marco Lavit, Bruno Martinetti Guido Gressani e Manuel Pramotton a giovani come Alberto Moretto, Maurizio Amato, Davide Meloni, Romeo Sandri, Antonio Gigliotti Lorenzo Barbera, Ludovico Fossà ed il marocchino Samir Bastajib, che coi suoi diciotto anni, è il più giovane.

Sparuta, ma di ottima qualità, la rappresentanza femminile con la batterista Elena Frezet e le cantanti Raffaella Castiglioni ed Elisabetta Padrin.

Per chi fosse interessato è stato creato un gruppo Facebook, “Quelli che il jazz…le jam dell’Espace Populaire” (https://www.facebook.com/groups/122294594578605) , dove si può essere informati delle date e degli orari delle jam sessions. La prossima si svolgerà martedì 1° aprile, a partire dalle 21.

1 Jam IMG_4751