JUKEBOX (2)- LA CACCAVELLA di Nino Taranto

Nino Taranto news_foto_19005_nino_taranto

la caccavella 51PF8kJZsuL._SL500_AA280_La masturbazione entra spesso nella macchiette comiche napoletane. In genere, dati i tempi in cui furono composte, come doppio senso.

Uno dei casi più espliciti è “La caccavella”, composta nel 1950 da Carletto Concina, che divenne un cavallo di battaglia di Roberto Murolo, Aurelio Fierro e, soprattutto, del grande Nino Taranto (1907-1986).

In questo video Taranto la canta accompagnandosi con l’omonimo strumento membranofono, detto anche putipù, in cui la frizione della canna sulla membrana produce il caratteristico suono dalla tonalità bassa che lo fa chiamare anche “pernacchiatore“.

LA CACcavella

Il movimento verso il basso della mano ricorda, indubbiamente, la masturbazione a cui è costretto il protagonista della canzone dai rifiuti della sua bella. “Sóngo stato da lu curato,- recita il testo originale- Gli ho confessato che, per colpa della mia bella, io mme sfogo cu ‘a caccavella! Mm’ha risposto lu buon curato: ‘Tu, fratello, sei rovinato…tu sei inguajato: nell’amore ci vuol pazienza, devi fare la penitenza: tre giorni…senza…!’

 

caccavella ptp LA CACCAVELLA

Sò comprato la caccavella, sò comprato la caccavella…la caccavella…

Per l’amore della mia bella,per l’amore della mia bella…della mia bella!

Se la luna mi guarda e balla con quel viso di pastafrolla…di pastafrolla…

Me ne infischio pure di quella…Canto questa serenatella alla mia bella…

Dimme, dimme, chi t’ha fatto, chi ha commesso stu delitto…

Io só’ cotto, só’ stracotto: faccio ll’uocchie ‘e pesce fritto!…

Pure ‘a notte, dint”o lietto, mm’arrevoto, zompo e scatto…

Io pe’ te mme comprometto! Parola d’onor… Parola d’onor!…

Sóngo stato da lu curato, songo stato da lu curato… Gli ho confessato

che, per colpa della mia bella, io mme sfogo cu ‘a caccavella! Cu ‘a caccavella…1 nino Taranto IMG_3493

Mm’ha risposto lu buon curato ‘Tu, fratello, sei rovinato… tu sei inguajato:

nell’amore ci vuol pazienza, devi fare la penitenza: tre giorni…senza…!’

Finalino:

Si tu vuó’ te dóngo tutto: pure ‘o core ca sta ‘mpietto

io t”o metto dint”o piatto, Domenicantò’… Domenicantò’…

Taggato con: