Così parlò MAURIZIO POLLINI a “Che tempo che fa” del 30/09/2012

La perfezione è qualcosa di non misurabile e può essere anche limitativa. Perché la musica dovrebbe parlare a tutte le componenti dell’individuo, e un’esecuzione in cui tutte le note sono esatte, ma che non dice niente, è una perfezione sterile…Sarebbe meraviglioso che ogni esecuzione sia un progresso rispetto alla precedente, ma non è così. C’è solo una tendenza generale al progresso, quello sforzo personale per avvicinarsi alle intenzioni dell’autore di cui Bruno Walter ha scritto riguardo alle sue direzioni dell’EroicaLeggi altro

Gli “inconsapevoli eroi di questi anni di guai” dei PAGLIACCIO

“Non chiedere ad un pagliaccio di farti piangere, ti risponderebbe con un sorriso.” Sembra l’abbia detto Jim Morrison. E’, in ogni caso, una definizione che calza a pennello ai pagliacci. E ai Pagliaccio, il gruppo biellese che fa capo al bassista Marco Sgaggero ed al polistrumentista Alessandro Chiorino. Il loro primo cd, appena pubblicato, fin dal titolo, “Eroironico”, indirizza, infatti, verso un approccio sorridente ad argomenti normalmente lacrimevoli, rimanendo, in ogni caso, sempre consapevole che “quasi mai le cose sono comeLeggi altro

Perdendosi nel labirinto letterario di DONATELLA CORTI

“Io lo so che non sono solo anche quando sono solo”, cantava Jovanotti. E’ una “filosofia” con la quale la filosofa (ma, anche, scrittrice, poetessa e cantante) comasca Donatella Corti non può che concordare, visto che, nei momenti difficili di una vita non facile, ha sempre avuto come interlocutori privilegiati i libri. «Oltre a dare delle risposte,- spiega- indicano una nuova prospettiva che permette di decentrarsi e capire che esiste qualcos’altro rispetto a se stessi e ai propri problemi.» E’Leggi altro

La caleidoscopica musica dei DRINK TO ME

La terza stagione della rassegna “Espace Indie Friday” (organizzata all’Espace Populaire di Aosta da Andrey Spinella) è partita, il 21 settembre, con un brindisi beneaugurante evocato dal nome del gruppo che si è esibito. “Bevimi solo coi tuoi occhi e io brinderò coi miei” sono, infatti, i versi iniziali di “To Celia”, una poesia di Ben Jonson, poeta e drammaturgo inglese del Seicento, da cui hanno tratto il nome i piemontesi Drink to me, uno dei migliori gruppi emergenti italianiLeggi altro

“PALANKA- Brevi raccomandazioni per chi si reca in Valle d’Aosta” di Pierluigi Vuillermin

Il sottotitolo, “brevi raccomandazioni per chi si reca in Valle d’Aosta”, potrebbe far pensare ad una delle tante guide turistiche sulla Valle. Basta, però, leggere qualche pagina di “Palanka” dell’insegnante aostano Pierluigi Vuillermin, per capire come in realtà sia solo un pretesto (non a caso “Pretesti” è la collana di Manni editore in cui è stato pubblicato) per fare, sotto le apparenze di un romanzo, un’approfondita analisi psico-sociologia del male oscuro che affligge la “palanka” valdostana. Termine, quest’ultimo, che inLeggi altro

TRADALP entra nel MiTo

Ha un cuore valdostano Tradalp, l’orchestra folk che stasera, 15 settembre si esibirà al Teatro Colosseo di Torino (alle 22, biglietto 10 Euro) per la rassegna “MiTo-SettembreMusica”. Si tratta di un vero e proprio evento per la musica popolare alpina (non a caso è stato presentato con lo slogan “Tradalp entra nel MiTo!”) perché è la prima volta che questo tipo di musica, riproposta in forma orchestrale, 
trova posto nel cartellone della prestigiosa rassegna. Gran parte del merito va aLeggi altro

Il dopo KYMERA di DAVIDE E MALYS

“Seguiremo due progetti separati per enfatizzare il più possibile le nostre capacità individuali”. E’ quanto i Kymera avevano scritto, a maggio, quando sul loro sito avevano ufficializzato la fine del loro sodalizio artistico. E, a distanza di qualche mese, Davide Dugros e Simone Giglio sembrano mantenere in pieno le promesse con due progetti che, pur avendo ancora lati oscuri, si annunciano molto diversi. Lo si capisce già dai nomi d’arte scelti per questa nuova avventura: da una parte lo “scognomato”Leggi altro

LUIS DE JYARIOT: Mi è venuta un pò di nostalgia di quando cantare era presentare alla gente discorsi nuovi, non organici al potere

Paradossalmente questa nostra era chiassosamente presenzialista finisce per essere dominata da umbratili assenze. Lo conferma il “Festival des peuples minoritaires” che nella sua quarta edizione ha inserito una sezione “Patoué eun Meuzecca” che annunciava “i più illustri cantautori valdostani” in patois, ma dove, pur essendo in cartellone il 9 settembre, non si è esibito il più grande di tutti: Luigi Fosson, in arte Luis de Jyariot. La domanda sorge spontanea: perché? «Sono in ferie- risponde dal litorale laziale- ma penso,Leggi altro

BLACK NARROWS: metti il divertimento in mezzo alle tue gambe con le bici fixed-gear

“Put the fun between your legs (metti il divertimento in mezzo alle tue gambe)”. Lo slogan di Stefano Cesca fotografa al meglio la filosofia dei Black Narrows, la “crew” formata da un gruppo di amici valdostani che da due anni ha riscoperto il potere socializzante della bicicletta. Eccoli, quindi, organizzare cicli aperitivo e beer riding cittadini (in cui si spostano in gruppo tra diversi bar), ma, anche, lanciarsi in percorsi più impegnativi come l’Aosta-Torino. Giunta alla sua seconda edizione, laLeggi altro

L’ESTATE STA FINENDO…come cantavano i RIGHEIRA

«Come già avevamo fatto con “Vamos a la playa”, con “L’estate sta finendo” ci siamo appropriati di un modo di dire comunissimo, forse la frase fatta più usata della storia dell’umanità. Solo che, poi, la canzone è entrata talmente nel DNA degli italiani che adesso quando la si dice spesso si aggiunge: come cantavano i Righeira.» A raccontarlo è Stefano Righi (Torino 9 settembre 1960) che trent’anni fa, col nome brasilianizzato di Johnson Righeira e Stefano Rota (alias Michael Righeira),Leggi altro