I dARI tornano a “casa, casa mia” per la Festa della Valle d’Aosta

La sera del 4 settembre, per la Festa della Valle d’Aosta, sono tornati a “casa, casa mia”, dove i ¾ di loro vive. E non ce n’è stato per nessuno. Per i mille seduti nella platea del Teatro Romano di Aosta, ma, anche per i tanti in piedi nell’adiacente grande prato verde. Tutti travolti da un set pieno di energia e ritmo che ha chiarito una volta per tutte ai valdostani il perché quei “vagabondi” dei dARI abbiano riscosso tanto successo fuori dai confini regionali. 

Non avevano, naturalmente, bisogno di ulteriori spiegazioni le loro scatenate fans che li seguono ovunque e comunque. Dalle due fans pugliesi che inalberavano il cartello “Io vengo da Bari e cerco i dARI” alla piemontese Annalaura, che non perde una tappa dei loro tour costringendo la madre a seguirla, dormendo in macchina.

«Per uscire a livello nazionale ci vuole impegno e costanza.- ha spiegato il leader Dario PirovanoE, poi, ci vogliono le canzoni. Perché si possono avere i suoni più belli del mondo, ma se, poi, non c’è la sostanza, cioè la melodia e il testo, tutto il resto è contorno. Per arrivare al successo bisogna fare un percorso, e quello che ti da più soddisfazioni e ti permette di durare è sempre il più difficile, quello pieno di alti e bassi. Il “one shot” non ci interessa

A che punto è la preparazione del nuovo cd? «Ci sto lavorando e mi piacerebbe uscisse entro l’anno, ma finché le canzoni non mi convinceranno al 100% non uscirà.» Come fai capire che una canzone è pronta? «Il bello delle canzoni è che non sono mai chiuse, perché puoi sempre lavorare sull’arrangiamento o su melodia, armonia e ritmo. A un certo punto, però, capisci che trasmette quello che ti ha fatto muovere. E’ quello il momento di “chiuderla”, decisione che prendiamo collegialmente col produttore.»

Puoi dare qualche anticipazione sul nuovo cd? «Sto cercando di esplorare qualcosa di nuovo, sia come sonorità che come argomenti dei testi. In questi giorni ci sono due le parole che mi girano in testa: vita e decollare. La prima perché sono per un approccio dinamico alla vita: non bisogna lasciarsi vivere per non sprecare questa grande fortuna che ci viene data. Sto, poi, notando che in diversi testi uso la parola decollare, che, poi, è partire da un posto per andare in un altro, quello,cioè, che voglio fare con le mie canzoni, rimanendo credibile e coerente con me stesso.»