GUINEA PIG: un rock pieno di sapori ed energia

Il “Burrito Grande Exp(losion)” è una tortilla arrotolata ripiena di carne macinata, verdura e spezie varie tipica del confine tra Texas e Messico. E’ stato anche il piatto preferito del gruppo bresciano “Guinea Pig” durante la tournèe americana che nell’estate 2006 li ha visti esibirsi in Georgia, Alabama, Texas e Florida. E’ piaciuto talmente tanto che ne hanno fatto il titolo del loro primo Cd, pubblicato nel 2009, che, come il piatto “texicano”, è un’esplosione di sapori ed energia, inLeggi altro

L’armonica di DAVE MORETTI trascina i “SILVERTRANE”

    Il suono della sua armonica caratterizza la band torinese “Silvertrane” che lo scorso 5 febbraio si è esibita nella rassegna blues organizzata dal chitarrista Max Arrigo per l’ “Espace Populaire” di Aosta. Questa, nata nel 1997, oltre a Moretti (che ne è anche il cantante) annovera  Umberto Poli (chitarra), Maurizio Spandre (piano e organo hammond), Beppe ‘Joe’ Ferrante (bass) e Alan Brunetta (batteria e percussioni).  «Il blues è una musica che nasce povera– ci ha spiegato Moretti- e, quindi, l’armonica, costandoLeggi altro

ARTE (16) CARAVAGGIO alle Scuderie del Quirinale: una mostra “condannata ad un grande successo”

Con 10.000 visitatori nei primi due giorni di apertura e 50.000 prenotazioni già pervenute agli organizzatori, la mostra su Caravaggio, aperta il 20 febbraio 2010 alle Scuderie del Quirinale di Roma, si preannuncia “condannata ad un grande successo”.  L’andamento sta, tra l’altro, superando le più rosee previsioni, facendo presumere che per il 13 giugno, giorno della chiusura, si riesca a raggiungere il “dovere etico” di rientrare dagli enormi costi: tra i  2 e i 2,5 milioni di Euro. I 400 anni dallaLeggi altro

GIGI D’AGOSTINO:se in Parlamento ballassero un pò di più avremmo un’Italia migliore

Il rituale di ribellione agli stenti e al grigiore della vita di tutti i giorni accomuna le attuali discoteche allo spirito primigenio del Carnevale. Lo conferma Luigi Celestino Di Agostino in arte Gigi D’Agostino che il 16 febbraio è stato protagonista alla Discoteca “Face” di Quart di una delle feste più attese del Martedì Grasso valdostano. «Ogni persona che balla vuole rivoluzionare qualcosa.– ci ha spiegato– La connessione con gli altri fa, poi, sì che, come in un incendio, si interagisca con altre fiammeLeggi altro

LUIGI LO CASCIO rilegge Euripide “a caccia” di sé stesso

“E’ possibile connettersi alla materia oscura del Mito?” A chiederselo ne “La Caccia”, la rilettura di Luigi Lo Cascio della tragedia “Le Baccanti” di Euripide andata in scena il 15 febbraio al “Giacosa” di Aosta, è il saccente Pietro Rosa, esperto–bambino «che pretende di spiegare tutto, convinto che con il concetto si possa esaurire anche il contenuto della materia incandescente della tragedia.» Connettersi è possibile, è la risposta che nel lavoro dà l’attore palermitano. Non, però, con le granitiche certezze della razionalitàLeggi altro

Il violoncello di UMBERTO CLERICI incontra il jazz di BEPPE BARBERA

“Splendido solista, con il vigore tipico della sua giovinezza”. “Fa cantare il suo strumento con un suono sempre teso e pulito”. “Induce il pubblico ad un’attenzione magnetica”. Sono solo alcuni degli entusiastici giudizi che hanno accompagnato le esibizioni del violoncellista torinese Umberto Clerici, che, ad appena ventotto anni, è uno degli astri nascenti del firmamento musicale mondiale. Dallo scorso anno Clerici collabora con l’Atelier d’Archi dell’Istituto Musicale Pareggiato della Valle d’Aosta frutto della collaborazione dei docenti delle Scuole di volinoLeggi altro

ANGELO BRANDUARDI: sono come l’aglio, un gusto estremo facilmente riconoscibile

Auguri al cantautore Angelo Branduardi, nato a Cuggiono il 12 febbraio 1950, di cui ripropongo un’intervista fattagli in occasione del concerto del 9 dicembre 1994 al Teatro Giacosa di Aosta per la “Saison Culturelle”l . L’Angelo Branduardi che abbiamo incontrato in occasione del suo concerto aostano del 9 dicembre  ha folti e riccioluti capelli non certo peli sulla lingua. Il cantautorato genovese? «Lo trovo abbastanza deludente:  facevano Brassens e Brel di seconda, terza e quarta mano.» La musica militante? «Una palla. Come pureLeggi altro

SOLO DUO: un solo chitarrista con quattro mani

Quando ad esibirsi è il duo di chitarre formato da Matteo Mela e Lorenzo Micheli saltano tutte le categorie di riferimento così care a chi vede la musica come qualcosa di statico. E’ successo anche sabato scorso, 6 febbraio, in occasione del concerto che i due hanno dato nella sala dell’Hôtel des Etats di Aosta. Il repertorio del concerto (Rossini, Ravel, Albeniz, Castenuovo Tedesco e Gnattali) era, infatti, classico, ma l’affluenza, la partecipazione emotiva e l’entusiasmo che l’hanno caratterizzato loLeggi altro

Gli inquietanti “Giorni felici” di ADRIANA ASTI

«Cos’è per me un giorno felice? E’ stare in pace senza fare niente: io sto bene in ozio.» A confessarlo, la sera del 3 febbraio scorso, è stata l’attrice Adriana Asti al termine della rappresentazione al Teatro Giacosa di Aosta di “Happy days (Giorni felici)” di Samuel Becket. Una voglia di riposo accentuata dalla fatica impostale dal regista Bob Wilson che nella commedia la costringe per un’ora e un quarto all’immobilità in una “giungla d’asfalto” che tende a ricoprirla sempreLeggi altro

Remembering the future con LUCIANO BERIO ad Aosta

Per capirne l’importanza è sufficiente  sfogliare un qualsiasi dizionario di Storia della Musica. Alla lettera B, dopo Beatles e Beethoven e prima di Berlioz e Brahms, si troverà un cospicuo spazio dedicato a Berio Luciano, nato ad Imperia il 24 ottobre 1925 e morto a Roma il 27 maggio 2003. “L’unico compositore che incarnava in modo riassuntivo la musica moderna”, come qualcuno lo ha definito, nel 1998 trascorse alcuni giorni ad Aosta grazie allo stage estivo dell’Orchestra Giovanile Italiana, che,Leggi altro