La emozioni oscure degli “EVEN MORE VAST”

Even More Vast
Non è un caso che “Would You Believe?”, il nuovo album degli “Even More Vast”, sia stato presentato in anteprima il 17 ottobre scorso al Castello dei Doria di Dolceacqua nell’ambito della “Haunted Fest” del festival “Autunnonero”. “Haunted” (cioè spiritato, ma, anche, angosciato) è, infatti, anche il dark/wave degli undici brani del Cd frutto della maturazione artistica della coppia formata da Luca Martello e Antonietta Scilipoti che del gruppo aostano sono da dieci anni l’anima. «Mi interessa esplorare la parte più oscura della gente– spiega Antonietta- quella che, in genere, evitiamo per paura di vedere quello che non vorremmo. Ma è solo conoscendola che si prende coscienza dei propri limiti e delle proprie paure e, di conseguenza, della capacità di superarli o, almeno, di accettarli.» Per superare questo blocco nevrotico della nostro lato narcisistico che si rifiuta di cambiare non resta che affidarsi alla parte più autentica. Non è, quindi, un caso che nel Cd sia inclusa “Pure(Pura)” che con “Loony(Pazzo)” e “Inly(Intimo)” affronta nel testo la possibilità di liberare sentimenti e potenzialità spezzando legami e dissipando illusioni.

EVEN-VAST-bn-blog-1

Un bisogno di chiarezza che si riflette anche nella musica composta dal trio- che, oltre a Luca e Antonietta, comprende il bassista Vincenzo Di Leo- che per la registrazione del Cd si sono avvalsi del batterista Enzo Scarfò e degli ospiti Gianfranco Degani (violino) e Filippo Rocca (chitarra). «Il suono si è alleggerito,– spiega Luca- la chitarra non è più distorta ma ha suoni più puliti e caldi che, contrappuntando la ricerca melodica del canto, evocano nell’ascoltatore emozioni oscure.» Una musica di respiro internazionale (il mastering di alcuni brani è stato fatto a New York da Greg Calbi, già sodale di Bjork e Public Enemy) che all’estero ha molti estimatori. Il trio si è, infatti, esibito a Londra, Utrecht, Palma di Majorca, Innsbruck e Zurigo (il prossimo 30 dicembre suoneranno a Marsiglia), e “Would You Believe?” è distribuito nelle Americhe dalla statunitense “Renaissance” e in Europa dalla tedesca “Pandaimonium”. «Il boss tedesco ci pubblicizza come un “gruppo che suona”, perché quello che si sente nel Cd è quello che abbiamo suonato noi e che si sente ai nostri concerti. Anche in questo senso siamo dei puri, perché ci serviamo del computer per la registrazione ma non per la composizione e l’esecuzione.» In Italia (distribuito da “Audioglobe“)  e sul web “Would you believe?” uscirà il 14 gennaio 2010 con in più la versione remix di “Inly”, riarrangiata dai dj Antonello Buonanno e Vincenzo Pacilio.  Alcuni brani del Cd  si possono ascoltare nel sito www.myspace.com/evenvast.