JUKEBOX (31) Lo meis de May di LUIS DE JYARYOT

1 De Jyariot Luis (by Gaetano Lo presti) P1220049 copiaLuigi Fosson, in arte Luis de Jyaryot, è il più grande cantautore valdostano in lingua franco-provenzale.

1 De Jyaryot (by Gaetano Lo Presti) 2012-11-20 18.29.25Nato nel 1948, nel 1978 ha pubblicato l’album “La Noëla Tradixon (La nuova Tradizione)” in cui ha raccolto sue composizioni che parlavano di temi d’attualità in lingua arpitana.

Con questo titolo- ha spiegato- volevo dire che si poteva parlare in lingua valdostana di temi attuali come l’amore, la società, il modo di stare con gli amici, la terra, i vecchi. Ho un fortissimo legame con le mie radici, anche se so che queste radici hanno soffocato molte cose. Perché è molto più comodo essere i primi della classe in un ambiente piccolo, che confrontarsi con un ambiente esterno di cui si ha paura».

Tra le canzoni dell’album, accomunate da un fondo di struggente nostalgia, emergevano la profetica ”Trent’an d’otonomie (Trent’anni di autonomia)” e “Lo meis de may (Il mese di maggio)”.

cogne_prato

Ecco la traduzione in italiano del testo di quest’ultima.

IL MESE DI MAGGIO

L’inverno era passato, era già il mese di maggio

La neve completamente disciolta ed i prati già verdi

Tutti i larici e i fiori cambiavano colore

Io partii un mattino, un mattino un po’ grigio,

Andai a prenderti per portarti con me

Per farti conoscere la mia valle, per insegnarti la mia lingua

Farti amare la mia gente, per non abbandonarla più.

 

Il mio paese è completamente diverso

Da quei paesaggi che tu conosci

Qui ci sono i fiori, il ghiacciaio, c’è il verde

La gente si ama e si parla di più

Qui che altrove

 

Un anno era passato, era di nuovo il mese di maggio

Tu, nei prati verdi, raccoglievi fiori

Parlavi il patois, ancora un po’ balbettando

Come i bimbi che sono nati ad Ayas

 

LO MES DE MAI

La_MineurL’evér l’éra passà l’éra djan lo mé ‘è mai

La néi totta fondouà è li pra djan ‘n tso vert

Totte ‘i bréngue è li fiour i tchandjavon coloù

 

Iò siu modà un matin, un matin un tso grich

seu ala-te prénde té pè ména-te avòi mé

Pè mohtra-te ‘a mià val pè mohtra-te ‘o prèdjà

Fa-te anmà li mie djèn pè jamé li quéttà

 

Lo miò pais l’ét teut défèramèn

Que tsi paézadjo què te cognéch teu

Tsé y ét li fiour la rouja y ét lo vert

Li djèn i s’anmon

I sè prèdjon dè pieuch

Tsè què défèramèn

 

Eun an l’éra passà l’éra tourna ‘o mé ‘è mai

Te vià pè li pra vert teu couéyave dè fiour

Te prèdjavè ‘o patou é ‘ncò ‘n tso lo brequionèn

Comme li barbijòt qui son nachù èn Ayas