Attenti al LUPRON! I pro e i contro della CASTRAZIONE CHIMICA per i condannati per violenza sessuale

Attenti al Lupron! Usato fino a poco tempo fa solo per alcune patologie femminili e come trattamento preliminare nel cambiamento di sesso dei transessuali, il Lupron ha acquistato in Italia una sinistra risonanza mediatica da quando la Lega nord ha proposto la “castrazione chimica” per i condannati per violenza sessuale. Basta, infatti, un’iniezione mensile di Lupron Depot perché, abbassandosi il livello del testosterone, diminuisca la libido con conseguente impotenza. L’uso di questo “soppressore dell’appetito sessuale” non è, in realtà, unaLeggi altro

ARTE (1) La “fisicofollia” futurista di ENZO PARRETTA

Potrebbe sembrare un controsenso, ma il fatto che lo spettacolo con aperitivo futurista organizzato il 7 aprile 2009 al Centro Saint–Bénin di Aosta (nella sede e nell’ambito della mostra “Futurismi“) abbia avuto un notevole gradimento fa sì che lo si possa considerare un “fallimento”. Per la provocatoria estetica futurista la “fisicofollia” degli spettacoli doveva, infatti, riuscire a creare una “corrente di confidenza senza rispetto” che, secondo l’ideologo del Futurismo Filippo Tommaso Martinetti, doveva “trasfondere nel pubblico la vivacità dinamica diLeggi altro

GIUSEPPE BATTISTON: Orson Welles aveva quel sano veleno contro la stupidità che tutti gli attori dovrebbero avere

Era sbruffone, provocatore e bugiardo. Ma l’attore e regista Orson Welles (Kenosha, 6 maggio 1915 – Hollywood, 10 ottobre 1985) è stato anche un genio dello spettacolo. E l’autore di “Quarto potere”, che molti critici considerano il più bel film della storia. Dopo che i nuovi media fecero la sua fortuna (lo spettacolo radiofonico “La guerra dei mondi”, che nel 1938 scatenò il panico negli Stati Uniti simulando un attacco dei marziani, gli aprì le porte del cinema), l’aver capito con moltoLeggi altro

La tratta delle “nuove schiave” che “battono” i marciapiedi italiani

Tra l’aostano Claudio Magnabosco e la nigeriana Isoke Aikpitany tutto è nato su una panchina di Porta Nuova, a Torino, con le classiche domande “quanto vuoi?” e “dove andiamo?”. Perchè lui era uno dei 10 milioni di italiani che ogni anno “vanno a puttane” con una delle 40 mila “prede” clandestine disponibili ogni giorno sui marciapiedi italiani (anche se Don Benzi sosteneva fossero 100.000). Non tutti i clienti, però, si limitano all’atto sessuale nudo e crudo. Tra quelli che cercanoLeggi altro

LUDWIG WITTGENSTEIN: un uomo troppo fragile per andare in frantumi

Il 26 aprile 1889 nacque a Vienna Ludwig Wittgenstein, filosofo e logico austriaco allievo e collaboratore di Bertrand Russell. Fu, tra l’altro, compagno di scuola, a Linz, di Adolf Hitler (coetaneo, ma indietro di due classi). Nel 1922 , mentre quest’ultimo fondava il National Sozialistische Deutsche Arbeitspartei, meglio conosciuto come Partito Nazista, Wittgenstein pubblicava il “Tractatus logico-philosophicus”, considerato una delle opere filosofiche più importanti del Novecento, iniziandolo con le parole “tutto il senso del libro si potrebbe riassumere nelle parole: quanto può dirsi,Leggi altro

ORNELLA VANONI: proviamo anche con Dio, non si sa mai

Raffreddata lei e freddino il pubblico.  La tappa valdostana del “Più di Me Tour”, che il 24 aprile 2009 toccò la Sala Gran Paradiso del Grand Hotel Billia di Saint-Vincent, si rivelò, così, non proprio memorabile per Ornella Vanoni (nata a Milano il 22 settembre 1934). «Mi sento più giovane rispetto a qualche anno fa. – mi aveva detto prima del concerto- Adesso non ho più paure e mi sento più libera, per cui esce fuori la mia parte giocosa e ironica. Incoscienza ed allegria cheLeggi altro

VINKO GLOBOKAR: musicista classico, ma non troppo

E’ un musicista classico, ma non troppo. E’ suo, per esempio, il trombone solista nella colonna sonora del film “Les parapluis de Chebourg”. Ma ha, anche, accompagnato Edith Piaf, Charles Aznavour e Maurice Chevalier. E nelle caves di Saint Germain des Pres ancora ricordano sue infuocate jam session con Lucky Thompson e Kenny Clarke. Chi è, dunque, lo sloveno Vinko Globokar? «Io suono il trombone, compongo, insegno, dirigo e scrivo libri.- risponde – Tutto ciò perché ho capito che i progressiLeggi altro

40 graNdi all’ombra (1) GIORGIO CONTE: “Non sono Maddalena… ma neanche Paolo”

Il 23 aprile 1941 è nato Giorgio Conte, raffinato cantautore astigiano che vive, suo malgrado, all’ombra del più noto fratello maggiore Paolo. «Più che un amico, un fratello», mi aveva detto, scherzando, quando, nel maggio 1996, l’avevo intervistato al “Folk Club” di Torino . «Da giovani– aveva proseguito- in casa ci contendevamo il pianoforte. Ciascuno aveva poi la sua camera che era il pensatoio personale. Un giorno avevo trovato una musica che mi piaceva e me la stavo canticchiando con la chitarraLeggi altro

IPNOSI, scienza dell’incanto

L’Ipnosi ha sempre destato grande curiosità, ma, anche prediudizi e timorii legati al fatto di essere stata a lungo associata a poteri soprannaturali e manifestazioni “diaboliche”. A trarre in inganno ha contribuito lo stesso termine “ipnosi” (dal greco “hypnos”, sonno) introdotto nella prima metà dell’Ottocento da James Braid per le analogie che sembravano esserci fra il sonno fisiologico e questa particolare condizione che, a quel tempo, si pensava creata da “magnetizzatori”. Era l’epoca dell’Ipnosi basata su tecniche di tipo autoritarioLeggi altro

FABRIZIO GATTI: raccontare la realtà senza paraocchi

Fabrizio Gatti è uomo coraggioso, che sa che oggi il compito del giornalista è, più che mai, raccontare la realtà senza paraocchi. «Da piccolo– mi aveva confidato- avevo visto fare giornalismo di questo tipo e ne sono rimasto segnato.» Quando l’ho conosciuto, nel maggio 2004, di anni ne aveva 38 ed aveva pubblicato sul “Corriere della Sera” una serie di articoli che cercavano di gettare un po’ di luce sulle vaste zone d’ombra che questa società tende a marginalizzare, demonizzare,Leggi altro