ROSSANA PODESTA': Walter (Bonatti) ha riempito tutti i miei sogni

Si può dire che per l’attrice Rossana Podestà il Mito sia sempre stato ordinaria amministrazione. Fin da giovanissima, quando venne lanciata nel firmamento cinematografico mondiale da film mitologici come “Ulisse” (con Kirk Douglas) e il kolossal “Elena di Troia” (per il quale nel 1956 ottenne la parte da protagonista superando la concorrenza di attrici come Liz Taylor e Ava Gardner).

Con Brigitte Bardot in “Elena di Troia”

E’ seguita una carriera di tutto rispetto che l’ha vista passare da “Guardie e ladri” (con Totò) al filone di “Sette uomini d’oro”, fino ad una serie di fortunate commedie erotiche dirette, negli anni Settanta, dall’ex marito Marco Vicario (da “Homo Eroticus” a “Paolo il caldo”). «Ho fatto l’attrice per caso perché volevo comprarmi una Vespa.- ha confessato- Purtroppo è un  mestiere che è fatto di sabbie mobili, dalle quali, una volta che rimani invischiato, è difficile liberarsi. Vicario mi ha spinto a fare questo filone di film commerciali che mi ha fatto disamorare del cinema. Sono convinta che avrei potuto fare molto di più rispetto ai ruoli che mi richiedevano di bella ragazza che si limita a dire, più o meno bene, delle battute.»

Il grande colpo dei 7 uomini d'oro

Amare considerazioni che il 5 agosto 2009 la Podestà, però, fece con il viso illuminato da una gioiosa serenità. Per capirne il motivo bastava seguirne lo sguardo e vedere con quale tenerezza fissava, poco distante, un altro Mito, quel Walter Bonatti col quale era venuta a Courmayeur per l’inaugurazione della Mostra “Barbara Tutino dipinge Walter Bonatti”. Da 28 anni, infatti, la Podestà è la compagna, appagata, del grande alpinista ed esploratore bergamasco.

«Nel 1980 un giornalista mi Rossana Podesta-pp(blog)chiese con chi avessi voluto fuggire su un’isola deserta, ed io risposi Bonatti che era il mio Mito perché era riuscito a fare la vita che avrei desiderato. Dopo qualche tempo ricevetti una sua lettera nella quale si dichiarava pronto a portarmici. Ne conosco tante di isole deserte…, aggiungeva. Eravamo entrambi single, per cui decidemmo di conoscerci dandoci appuntamento a Roma davanti all’Ara Coeli. Solo che all’orario stabilito non lo vidi arrivare. All’epoca non c’erano ancora i cellulari, per cui aspettai, finché due ore dopo mi venne un sospetto e, girato l’angolo, lo vidi davanti all’Altare della Patria, che aveva confuso con l’Ara Coeli, intento a difendere la posizione da un nugolo di vigili che volevano spostasse l’auto. Al che, arrabbiata, gli dissi: ma che razza di esploratore sei che non riesci a trovare una persona a Roma?»

1 Bonatti (by gaetano lo presti) IMG_1837Iniziò in questo modo turbolento un grande amore che la Podestà descrisse con parole incantate. «Ma lei si rende conto che Walter ha riempito tutti i miei sogni? Tra noi si è creata una rara alchimia cementata dalle avventure condivise in tutto il mondo. Indubbiamente non è uno zuccherino, perché per anni ha lottato coi particolari che per lui volevano dire la vita piuttosto che la morte. Ma io ho le spalle larghe e ormai non saprei che ne sarebbe della mia vita senza di lui.» Cosa ne pensa della serie di quadri che la Tutino ha fatto su Bonatti?«Il difficile del ritratto di un uomo è rendere l’espressione degli occhi, e, invece, negli occhi che Barbara ha dipinto io riconosco l’anima di Walter. Nel quadro che ho comprato  lui, più che essere copiato da vecchie fotografie, è interpretato, con il corpo, non ben delineato, che si fonde con la natura della giungla. Lì ho riconosciuto Walter immerso nell’intrico della sua vita.»

La storia continua e, purtroppo, si conclude quì: http://gaetanolopresti.wordpress.com/2011/12/13/a-courmayeur-epoca-ricorda-walter-bonatti-uno-che-ha-fatto-epoca/

About these ads

103 pensieri su “ROSSANA PODESTA': Walter (Bonatti) ha riempito tutti i miei sogni

  1. Sono un 45 enne toscano, da sempre ho un sogno, meglio dire un desiderio conoscere walter chissa se prima o poi ci riusciro’.Insegno karate, adoro la montagna, ma avendo un ristorante il mio tempo è molto limitato.Per essere sintetico sarebbe mio grande onore avere Walter e la sua splendida signora ospiti nel mio ristorante..stringerli la mano e…. avrei un milione di cose da chiederli ma capisco che per un personaggio di quel calibro non è facile gestire tutti gli impegni.
    Comunque auguro tramite lei i miei più sentiti saluti al grande Bonatti.
    Gianni Corsinovi

  2. Caro Gaetano,
    amo la montagna e frequento da 20 anni le montagne di Walter Bonatti, compreso il rifugio a lui dedicato. Anchele mie bimbe hanno imparato ad amare la montagna e sui sentieri si commentavanole avventure e imprese di Bonatti sul K2 e quelle con Oggioni. Poi mia zia anch’essa frequentatrice delle stesse valli Valdostane ha tirato fuori una foto di lei con Bonatti fatta sul sentiero del Rifugio Boccalatte (se ricordo bene). Ora greate Sara (le mie due bimbe) vivono nel mito di poterlo incontrare o per lo meno di avere una sua dedica/firma. Figurati che ieri mi hanno spinto sino al rifugio bonatti nella speranza di incontrarlo. Non c’era lui ma c’era un suo scritto sul libro del rifugio del 2 Agosto 2008. Le magliette erano troppo grandi (loro hanno 5 e 7 anni). Insomma sai come aiutarmi ? Io quasi tutti i sabati e domeniche sono a La Salle (vicino Courmayeur). Poter avere una lori dedica sul libro o firma sulla maglietta sarebbe il massimo.
    Attendo tua gentile replica. Grazie
    Claudio

  3. Buongiorno, approfitto di questo spazio per provare ad avvicinarmi nel modo più discreto possibile ad una persona speciale quale ritengo essere Walter Bonatti. Mi piacerebbe molto dopo aver letto con grande interesse i suoi libri, incontrarlo personalmente e sarei molto onorato di poterlo presentare a mia moglie e ai miei due figli di 10 e 8 anni. Non ho grandi pretese, mi basterebbe sapere se nei prossimi mesi ha gi

    • Ciao Gianni,
      due domeniche fa Walter e Rossana hanno inaugurato a Pettinengo, vicino Biella, una mostra a lui dedicata dalla pittrice Barbara Tutino.
      Sarebbe stata una bella occasione per incontrarli.
      Credo, comunque, che Rossana legga questo blog, per cui spero legga le numerose richieste di incontro che vengono loro rivolte.
      Figurati che perfino il tastierista dei “Deep Purple” (che considera Bonatti il suo Mito) mi ha chiesto di invitarli al concerto che il famoso gruppo rock terrà a dicembre a Milano.
      Tieni, comunque, conto che a cavallo tra il 2009 ed il 2010 i due coniugi faranno un lungo viaggio fuori dell’Italia
      Grazie dell’attenzione
      Gaetano

  4. Pratico l’alpinismo da più di 20 anni e sono un supertifoso di Walter Bonatti. Oltre ad essere stato (secondo me) il più forte alpinista di sempre (compresi i contemporanei), è soprattutto un uomo di una coerenza adamantina e di un rigore morale ineccepibile. Questo, secondo me, è quello che lo rende una leggenda agli occhi della stragrande maggioranza degli alpinisti.

    Stefano dalvit – Bolzano

  5. sono un antico estimatore di Walter Bonatti. vivo in Val Comelico il paese si chiama Padola (Belluno). Gradirei sapere se è possibile organizzare un incontro/conferenza a cui possa partecipare il singor Bonatti ed eventuali condizioni. Grazie

  6. Buongiorno,
    leggendo i vari commenti mi rendo conto di quanti sarebbero onorati di stringere la mano a Bonatti non solo in quanto alpinista ( che cos’è un alpinista se non anche un uomo che conosce meglio se stesso attraverso le montagne..)ma soprattutto in quanto uomo coerente e portatore di valori da trasmettere e far conoscere alle generazioni future( è un nostro dovere ).
    Io sono fra questi , e le chiedo attraverso questo sito se mi sapesse indicare una manifestazione a venire in cui poterlo incontrare in modo da non disturbarlo nella sua quiete quotidiana. Grazie. E.Cardillo

  7. sto rileggendo il libro di W Bonatti “Le mie montagne” ed ho trascritto su un quaderno tutto mio quella fantastica mezza pagina in cui descrive il volo della cornacchia cher lo accompagnò x un tratto lungo la parete: W Bonatti è tantisime cose ma per me è ancfhe un grande poeta.

  8. Cari Rossana e Walter sono l’amico di Dino Perolari
    che molto tempo fà siamo stati fotografati dal Prof.
    Foresti nella località Salmezza (Selvino)
    Vi invio tanti saluti. Io giro ancora nelle Montagne
    e passo tante volte da Delebio per recarmi in Engadina
    e per Voi ho sempre un ricordo.
    speriamo di rivederci,magari con Dino Perolari

  9. Desidero contattarti per fare una serata di Montagne in Cornaredo dove ho fatto nascere una Sottosezione Cai.
    Ti ho seguito negli anni 60 attraverso stampa e Tv,ammirandoti come un grandissimo e fortissimo alpinista.
    Io e mia moglie siamo tuoi”tifosi”,sarebbe un onore ed un piacere poterti conoscere e vedere qualche tua impresa nella mia città di Cornaredo(Milano)
    Cordiali saluti e Auguri di Buone Feste a Te e alla Tua Famiglia! Gianfranco

  10. caro Gaetano,
    sono un ammiratore da sempre del grande Walter ho tutti i suoi libri e le sue diapositive dei suoi meravigliosi viaggi. Le mie origini sono valtellinesi amo la montagna più della mia vita ora a 68 anni alcune attività le ho rallentate ma alle mie “passeggiate” non rinuncio anche se strada facendo purtroppo ho lasciato indietro degli amici, ma loro sono sempre con me specialmente quando mi avvicino sempre di più al cielo così immenso e delicato. Ho saputo che Walter abita a Dubino è vero? a me piacerebbe tanto e sarebbe un grande onore farmi autografare il suo ultimo libro “Il mondo perduto”. Io le vacanze e il tempo libero lo passo a Dazio un paesino vicino a Morbegno. Grazie per quello che potrai fare e ti auguro un Buon Natale e un sereno anno nuovo Marcello

  11. Caro Gaetano,
    sono un ammiratore di Walter Bonatti fin dai tempi dei suoi resoconti
    di viaggio pubblicati su Epoca,io ragazzino sognavo ad occhi aperti su quelle foto di mondi allora veramente lontani.Credo che a lui si addica anche l’altra bellissima poesia di Costantinos Kavafis:Itaca.
    Cordiali saluti

    Lucio Bergamo

  12. Sto seguendo la trasmissione di Fazio con Walter Bonatti, un mio idolo, una persona che stimo tantissimo, come stimo la sua splendida e bravissima moglie Rossana Podestà. E’ meraviglioso pensare che esistano ancora persone così nobili nel cuore e nei pensieri come nelle azioni, così distanti dalla mediocrità.
    Un saluto cordiale

    Massimo Scotti

    massimoscotti@hotmail.com

  13. Ho appena visto in tv la puntata odierna di ” che tempo che fa'”. Vedere ed ascoltare Walter e Reinold insieme è stato fantastico.
    Praticamente per me un avvenimento da ricordare.
    Le loro avventure sono i miei sogni.
    Vorrei esprimere per suo tramite i miei ringraziamenti a questi due grandi uomini ( definirli alpinisti è riduttivo ).
    Grazie ancora

  14. Ho rivisto con immenso piacere alla TV odierna del programma che tempo che fa Walter Bonatti, molti anni fa è stato a Trieste afare una presentazione di sue diapositive e raccontarci le sue innumerevoli avventure, sono anche riuscito a scambiarci un po di cose. Ho fatto rillegare tutti i suoi articoli su EPOCA che per me erano la Bibbia per i miei sogni. Avrei piacere di poterlo salutare per E-mail. E’ possibile? Grazie anticipatamente

  15. Mi associo ai commenti a riguardo della trasmissione di ieri sera. Spero che la gente a casa si sia resa conto che quella di ieri sera è stata una trasmissione epocale: i due più forti alpinisti di tutti i tempi seduti uno di fianco all’altro non capita tutti i giorni, roba da pelle d’oca alta così. Grandissimi entrambi e soprattutto di una sincerità lapidaria.

  16. ti ho visto in televisione con mesner mi ha fatto un grande piacere il tempo è passato per tutti
    mi è tornato in mente le belle bevute di vino al rifugio sem. in grigna mi ricordo dopo una bella bevuta tu il grande scmparso oggioni e l’altro tuo grande amicoiosve
    salire la via cassin al corno del nibbio forse tu non ti ricorderai ma facesti la salita a PIEDI NUDI la citola di vino aveva fatto il suo effetto ti uguro un felice anno
    nuovo aTe e Consorte
    ora vivo in romagna quindi lontano dalle montagne che mi mancano molto qusta è la vita un caro saluto giorgio
    se mi mandi un saluto mi farà un grande piacere

  17. HO TERMINATO STANOTTE L’ULTIMO LIBRO SCRITTO DA BONATTI E MI STO ORGANIZZANDO IL PROSSIMO VIAGGIO PERCHE’ E’ IMPOSSIBILE RESTARE FERMI QUANDO SI LEGGONO LE SUE SPEDIZIONI, INDUBBIAMENTE TOSTO DA GIUNGERE SECONDO ME AL PAROSSISMO NELLE SUE AVVENTUROSE RICERCHE. COMUNQUE IO LO RINGRAZIO PERCHE’ ERO BIMBA ED HO AVUTO LA FORTUNA DI AVERE DEGLI AMICHETTI LA CUI MAMMA CI LEGGEVA E MOSTRAVA I SERVIZI DI EPOCA DEDICATI AL MITICO BONATTI, ABBIAMO COSI’ POTUTO SOGNARE E GIOCARE NELLE FORESTE INCANTATE, ISOLE SPERDUTE, MONTAGNE ALTISSIME, COSE CHE SOLO I BAMBINI RIESCONO A INVENTARE E CREDO CHE UN PO’ DI QUESTO SPIRITO CURIOSO E INTRIGANTE MI SIA RIMASTO PER POTER COMPIERE ALCUNI VIAGGI ANCHE IN SOLITUDINE DA ADULTA.GRAZIE E MILLE AUGURI PER LE STORIE CHE DEVONO ANCORA VENIRE ANTONELLA

  18. la farò breve,sono un cantante lirico di torino,mi piacerebbe e ci terrei molto ad incontrare il Sig.Bonatti,ho già ricevuto da lui una bellissima lettera ma mi piacerebbe molto conoscerlo di persona.so che è una persona molto nchiva.Se ci sono sue conferenze mi farebbe molto piacere parteciparvi.Per ora grazie mille.Attendo una risposta se possibile.
    Fulvio

  19. Ho conosciuto Walter Bonatti il giorno del suo 60° compleanno al rif.Azzoni(Resegone)era in compagnia di Rossana.Abbiamo fatto 4 chiacchere,non una sola parola inutile,una concretezza disarmante(se non sei fatto cosi non puoi fare quello che ha fatto),ne sono uscito arricchito.Sono passati tanti anni ma quel pomeriggio è stampato nella mia mente.E’ una di quelle poche persone che ti fanno sentire orgogliso di essere italiano.Raffaello.

  20. Buonasera,
    ho conosciuto Walter Bonatti tramite la il programma “Che tempo che fa”. E’ stato un gran regalo perchè quello che ha vissuto e raccontato non sono solo perle di saggezza per chi pratica la montagna ma gocce di miele per chi vuol camminare a modo suo nell’intricato sentiero che è la vita. Mi piace per svariate ragioni, perchè è forte, simpatico, coraggioso, sensibile e tanto altro. E’ la medicina naturale per chi è un pò triste e per chi pensa che la vita sia una continua ascesa. Auguro tanta luce a lui e alla sua compagna Rossana e grazie per aver condiviso la sua vita tramite i suoi libri.
    Ciao
    Edi Roan di Vicenza

  21. Non so prorio come cominciare…quando hai un mondo vertiginoso che ti sbatte in testa ,non sai prorio dove andare a parare!Piango a vedere la mia montagna,il Monviso,lavoro in una città ma sogno di abitare in montagna,sogno di arrampicare ma mi sento ogni volta un fallimento…perchè!? Perchè ogni santa volta vado in falesia,la domanda che mi sento fare dal mio compagno è la seguente : che grado fai!!?Non ne posso più.Vedo nell’ arrampicata una forma di lettura tanto cinica quanto romantica di un mondo che altrove non esiste,vedo in quei tagli,nei tetti,nel granito le vene della mia montagna…ma faccio solo 6a di falesia.Mi sento davvero idiota,ma non mi sento più bene,e come se volessi capirla ma non la sento parlare e vedo negli altri ( quelli del 7a diciamo) come gli unici a capire cosa sia veramamte la maontagna.
    Mi piacerrebbe chiedere a Bonatti,davvero è tutto qui?non c’ è altro? Solo gradi?Perchè allora io sono una nullità,veramente mi crea dei forti problemi esistenziali,ho bisogno della Mia montagna,ma non sono in grado,forse è meglio che lascio perdere non è cosa per me…grazie per lo sfogo la mia email : giuel13@yahoo.it,a chiuque voglia rispondermi..grazie

    • Perchè viviamo nel mondo della “quantità” e non della “qualità” Quindi del che grado “fai” e che grado “hai” senza preoccuparsi tanti di chi sei e che cosa fai. Trasmetterò questa appassionata mail alla moglie di Bonatti, Rossana Podestà

  22. Messaggio per Walter Bonatti
    Carissimo Walter, conservo gelosamente due cartoline del K2 che tu regalasti a mio padre che avevi conosciuto alla Falck. Una è con tutte le firme dei partecipanti e una è datata 25 dicembre 1954 con il francobollo pakistano dedicato al K2.Grazie a queste cartoline mi sembra di averti sempre conosciuto e seguo sempre i toui interventi in televisione e leggo i tuoi libri. Ciao. Complimenti.
    Silvio Picozzi

  23. Sto finendo di leggere Un mondo perduto e, pur essendo una monogama costituzionale , lo confesso, sono profondamente affascinata da quel meraviglioso coetaneo tutt’ora splendido. Penso che egli non solo sia un uomo autentico
    nel vero senso della parola ma molto, molto di più; per me c’è del divino in lui.
    E l’Italia avrebbe bisogno di essere guidata da uomini come lui.
    A Rosanna i miei complimenti perchè entrambi con quei capelli bianchi “siete veramente stupendi.”
    luciana.gargari@hotmail.it

  24. Ho finito di leggere I MIEI RICORDI e, mentre proverò a respirare per RIEMPIRMI I POLMONI DI CIELO (che meraviglia!!!) vorrei chiedere a Rossana di sussurrarmi all’orecchio quale è la VERITA’ che Walter ha scoperto sulla cima del monte Bianco.
    Anch’io ho dei bei capelli bianchi come i vostri, sono anch’io del 1930 mese di luglio ma, purtroppo non ho più accanto a me il mio ragazzo di una intera vita.
    Siete BELLISSIMI perchè ognuno risplende la bellezza interiore dell’altro.
    Ho stampato la vostra foto.

  25. salve, mio padre ha 60 anni ed io 31, da quando ho memoria mio padre mi parla di Walter e delle sue imprese ha tutti i suoi libri, parla di Rossana come la donna più bella del mondo (dopo la mamma ovviamente) ha tutti i suoi libri e poterlo in qualche modo contattare anche solo una volta sarebbe per lui un regalo immenso.. potete lasciargli il mio indirizzo?? grazie infinite qualsiasi sia la risposta.
    un saluto a tutti Elena

    • Cara Luciana,
      capisco la tua delusione per il non riuscire a stabilire un contatto coi tuoi beniamini, ma, come si dice, ambasciator non porta pene.
      Ho, infatti, inoltrato il tuo come altri messaggi alla mail della Signora Podestà, se, poi, non ti ha risposto non è colpa mia.
      Alla luce di tutto ciò che un blog, con oltre 90.000 accessi in meno di un anno e centinaia di altri post interessanti anche se non riguardano Bonatti, sia definito un “binario morto” mi sembra, veramente, eccessivo.
      Saluti

  26. Grazie di cuore Gaetano per la sua gentilizza.
    Ma, lungi da me il voler offendere, ho avuto una delusione
    e, da quell’UOMO (Bonatti) che emerge dai suoi libri, non me l’aspettavo.
    Ma la
    colpa è solo mia perchè a ottant’anni ancora sogno!!!
    Con cordialità.

  27. Cara Elena non ti preoccupare:
    Sono arzilla e pimpante come non mai ma, poichè ho ancora
    il vizio di innamorarmi dei miei EROI, sono solo un pò delusa.
    La colpa però è solo mia perchè non ho ancora smesso di sognare nonostante sia una coetanea del GRANDE Bonatti.
    Concludo dicendoti che il 1930 è stata una bella annata!!!!
    e…se vuoi un consiglio non smettere mai di sognare e di lottare per realizzare i tuoi sogni.
    Con tenerezza.

  28. Sto leggendo Montagne di una vita ed ho letto due volte il capitolo del K2 sperando di trovare la risposta che ogni lettore si pone : perchè Campagnoni e Lacedelli non hanno messo la tenda al campo 9 nel posto concordato con gli altri?? come si sono giustificati ammesso che l’abbiano fatto??
    C’è qualcuno informato del fatto che possa rispondermi?? perhè,vedete, a me “ribolle il sangue”. Certe cose non si fanno tra esseri UMANI ,e allora penso che, delle due l’una: o si è stupidi o si è cattivi cattivi.
    Grazie a chiunque voglia rispondermi.

  29. Ogni tanto rileggo i commenti su questo forum per ritrovare persone vere ed appassionate della vita, non sono un alpinista, tuttaltro, ma anche a me viene voglia di dire qualcosa…
    Ho ritrovato Walter Bonatti con la trasmissione “Che tempo che fa” e subito ho letto il suo libro “Un mondo perduto”. Da quel momento, alla tenera età di 49 anni, la mia vita è cambiata.
    Prima la mia unica passione era il mare, e mi rovinavo ogni estate per andare a pesca subacquea: schiavo dell’inutile competizione – persa in partenza per i pochi mezzi e le mie mediocri capacità – a chi avrebbe preso la preda più grossa, non avevo mai considerato che il mondo potesse essere tanto più grande e meraviglioso, da contemplare e non da “utilizzare” ai soli fini competitivi. Ora ho davanti a me tutto un mondo da scoprire, persino a due passi da casa mia, così che il Lazio stesso, dove vivo, mi sembra misterioso e grandissimo e, inaspettatamente, ritrovo anche mio padre, morto quando avevo solo cinque anni. Lui aveva una grande passione per la montagna, purtroppo raramente concretizzata per motivi di tempo – forse – dice mia madre – quando io sarei cresciuto… –
    Detto questo concludo dicendo che mio nipote è stato soprannominato “il Bonattino” ed io, per mia moglie, spero di rimanere sempre, affettuosamente, il suo “falsissimo” Bonatti, quando mi paragona a lui dicendo che sono pronto alla fuga anche davanti a un calabrone!
    Un caro saluto e un caldo, sincero ringraziamento quindi, al vero Bonatti, alla sua splendida e coraggiosa moglie Rossana, e un grazie a lei Gaetano, per l’opportunità che mi da di scrivere sul suo blog!

  30. Ciao,
    Walter.il grande Walter.
    Mi piacerebbe molto poterci parlare.
    Organizzo un festival a Brescia , “Ambient”. Vorrei che venisse a parlare non necessariamente di montagna , ma del rapporto uomo – natura. é un sogno vero?
    All’interno del festival avremo anche una parentesi di denuncia dello scempio dell’Himalayan ski village , un enorme progetto miliardario di un comprensorio sciistico ai piedi dell’himalaya (nell’himachal pradesh) a proposito del quale sto traducendo documenti e raccogliendo dati. La Sua presenza sarebbe un forte richiamo.
    Un abbraccio e un grazie a Gaetano.

    Luca Lena

  31. La domanda che ripeto è: ” quale è stata la giustificazione di Campagnoni e Lacedelli per non aver piantato la tenda al posto convenuto con Bonatti??”
    e la rivolgo agli alpinisti e/o appassionati di storia dell’alpinismo. N<turalmente mi riferisco alla conquista del K2.
    In extremis debbo mio malgrado disturbare il grande Bonatti
    per eliminare il mio interrogativo che non mi vorrei portare nell'aldilà.
    Grazie a tutti.

  32. ho conosciuto walter bonatti e rossana podestà ormai 20 anni or sono, con la complicità di mio cugino che scrivendo per un piccolo rotocalco locale, avemmo la fortuna di fare un’intervista a casa loro. tanto tempo è passato, ho sempre praticato la montagna, sono stato alla scuola alpina di aosta oggi sono architetto e sogno di progettare rifugi e bivacchi, ma più di ogni cosa ho un grande progetto sulle montagne un’Accademia e per questo vorrei poter presentare e dare questa mia idea a Bonatti che forse più di me avrebbe capacità e determinazione per compiere l’impossibile,
    ti sarei grato se ne potessi dare riscontro,
    non ho segreti le idee sono del mondo e per chi ne può fare buon uso.
    con affetto
    Aldo

  33. Buonasera
    Anche io sono appassionato di montagna e ammiro molto Walter Bonatti.Volevo chiedere gentilmente se nel corso di quest’anno ci saranno conferenze a cui parteciperà (in Lombardia o nel nord) per poterlo sentire di persona.
    Un grazie sentitissimo
    Giorgio

  34. dal 1977 mi hanno detto sempre che ho una forte somiglianza cn qst’attrice.. dv ammettere che è vero.. ultimamente.. ho constatato che è stata dimenticata… peccato xchè era una donna cn molta classe sensuale e nn volgare…. brava rossana… bella e semplice

  35. mi sembra fin troppo banale unirmi al coro di così tante persone osannanti, ma Bonatti è il faro illuminante per chi, come noi, ama così tanto la montagna e l’avventura in generale. Ma non è per ribadire questo concetto che scrivo, ma perché, avendo letto solo da pochi giorni che Walter compirà gli anni il prossimo 22 giugno, gli vorrei fare gli auguri di cuore. Pecco un po’ di presunzione confessando che oltretutto mi sono entusiasmato nello scoprire che il suo giorno di nascita è lo stesso mio, anche se io sono nato a distanza di qualche anno…..un grande abbraccio ad un “grande maestro” ed un caloroso saluto alla signora Rossana da Ivan Merlo di Genova

  36. Gentile Sig. Bonatti, auguri per il suo compleanno: un mese fa anch’io ho compiuto 80 anni!
    Da qualche mese viaggio virtualmente su internet sulle orme dei suoi viaggi seguendo i suoi libri di esplorazione.
    Mi diverto e mi appassiono tanto a seguire i suoi racconti e a viverli, quasi in diretta, “volando” seduta comodamente in poltrona.
    Grazie per le emozioni
    Sinceri saluti
    Alicia Terzetta

  37. Ho conosciuto negli anni ottanta Walter Bonatti,quando allora
    mio marito(ora deceduto),era il presidente del CAI di una
    cittadina del Bellunese,colgo l’occasione di questo blog,
    per esprimere il mio cordoglio a Walter per la dipartita
    della sua compagna.
    Certa che Lei consegnerà il messaggio, cordialmente porgo
    saluti.
    Milena Corso

    • Scusa MIlena, perchè hai scritto “dipartita della sua compagna”?
      Non mi risulta che Rossana Podestà sia morta.
      In molti me lo stanno chiedendo, per cui ti sarei grato volessi chiarire la tua frase
      Grazie
      Gaetano

  38. Sono rimasta senza fiato quando ho appreso dalla lettera di Milena che Rossana ha lasciato il suo Walter.
    Mi sembra ancora inverosimile perchè loro due, con quei stupendi capelli bianchi ed il loro sorriso che esprime la felicità che nasce da dentro, rimangono inseparabili.
    Caro Walter anche se sò per aver letto i tuoi libri che sai dominare il dolore fisico, ti dico per averlo provato otto anni fa, che questo, è tutta un’altra cosa.
    Ricorda però che se soffri tanto è perchè hai amato tanto.
    Ti abbraccio.

  39. K2 Una storia finita. Finisco di leggere il libro, scovato due giorni fa sul ripiano di una piccola libreria, ma la rabbia si rinnova e non mi abbandona. E’ possibile che mai nessuno abbia chiesto conto a Compagnoni e Lacedelli? A Desio? Ora è troppo tardi: spero solo che il Signor Bonatti abbia trovato la pace interiore verso la terribile cattiveria subita. Grazie per l’ospitalitàe sinceri saluti. Brunello Mola.

  40. L’ammirazione è unica da un grande appassionato di
    alpinismo per l’uomo Bonatti e per le sue imprese rimaste
    nella storia della montagna. La sua storia e di Rossana è
    bellissima, nei suoi Libri che ho letto ho capito perchè
    questa bellissima Attrice..a voluto vivere la sua vita
    con questo grande uomo .” Ho scritto varie volte per avere
    una sua Foto Autografata sarebbe.. una cosa bellissima”
    Saluti cari..Giancarlo Venturini dalla Toscana Pistoia….

  41. buongiorno
    ho una foto con bonatti e due scalatrici colpite da un fulmine che lui salvò, in val d’aosta; io ero piccolissima, sarà stato il 1961 o 62, ma mi ricordo bene l’episodio.
    vorrei fargliela avere, posso scansirla e inviarla dove?
    qualche anno fa i miei genitori hanno incontrato bonatti sul rite, e lui si ricordava vagamente di quell’episodio.
    grazie
    rossella frigerio

  42. Facile indovinare qual’è stata la mia emozione nel veder citato il grande Walter nella trasmissione “Vieni via con me” del 29 novembre scorso, insieme ai personaggi più importanti della nostra Epoca.
    Sì: “Le mani di Walter Bonatti” così precisamente è stato ricordato, e credo che con le proprie mani sia riuscito ad arrivare dovunque, fino ai nostri cuori.

  43. volevo sono dire Grazie a Walter Bonatti, per l’esempio di vita,che è! Ogni giorno la profondità di quest’uomo rende meno dura la mia esistenza, avrei solo un sogno stringergli la mano!! sarà mai possibile???
    grazie

  44. Buongiorno, sono Fabrizio Gelmini, un fan “letterario” di Bonatti. Spero che lei possa aiutarmi. In perfetta sintonia con un amico, gestore di un locale a Ponteranica, Bergamo, vorremmo organizzare una serata pubblica d’incontro con Walter Bonatti. Potrebbe gentilmente far giungere a lui questa mia richiesta?
    Sarebbe per noi il coronamento di un sogno.

    Cordialmente,

    Fabrizio.

  45. Ho trovato, dopo la morte di mio padre, alcuni album di fotografie dove, in alcune, compare Bonatti…..molto giovane con mio padre davanti al suo rifugio ed ” in parete “…
    Mi farebbe piacere farne avere copia a Bonatti e magari incontrarlLo per chidergli
    se di quei momenti ha qualche ricordo.
    Mi sapete dire come devo procedere ammesso che a Walter Bonatti la cosa possa interessare ?
    Sergio

  46. Signor Lo Presti, Sono stato, con mia madre, un grande ammiratore e amico di Walter… Purtroppo dopo la morte di mia madre, mi sono trasferito all’estero e ho perso i contatti. Ho appena saputo della scomparsa di Walter, e le chiedo il favore immenso di far pervenire la mia email a Rossana, a cui mando un abbraccio forte.
    La ringrazio.

    Antonio Calzecchi Onesti

  47. Vorrei far pervenire alla signora Rossana Podestà le mie sincere conndoglianze per la perdita del grandissimo Walter.
    Lui non è più fra noi ma è ora là,sulle sue montagne, a prendersi cura di tutti noi che lo abbiano amato e ammirato.

    mariagabriellaolocco@libero.it

  48. L’inaspettata scomparsa di Walter Bonatti lascia un vuoto dentro di me. Speravo tanto di poterlo conoscere prima o poi a Roma, con lui ho perso un maestro spirituale, un uomo che amavo per l’integrità e il coraggio, un unomo che mi ha insegnato a sorridere.
    Mi piacerebbe tanto conoscere qualcuno che lo ha conosciuto…
    Un forte abbraccio ai suoi familiari.
    formiconi@gmail.com

  49. Purtroppo non ho conosciuto direttamente Walter Bonatti, ma l’ho seguito fin dai tempi dei suoi reportages su “Epoca” negli anni ’60 ed in seguito in libri come “Le mie montagne”.
    Per la sua perdita sto provando gli stessi sentimenti come per scomparsa di un caro e grande amico…. compagno e poeta invisibile delle mie escursioni in montagna.
    Emilio Puricelli

  50. E’ mancato troppo presto per la sua immensa vitalità che ancora lo attraversava. Non me ne capacito. E’ stato e rimane un grande maestro di vita e di umanità, per me. Per vivere con spessore questo suo passaggio necessito di tutta l’immaginazione e la sensibilità di cui dispongo, ed ancora di più.
    Alla signora Rossana, condoglianze dal profondo del mio cuore: davvero un grande vuoto! Chissà, la sua forza potrà aprirci gli archivi di Walter Bonatti che, attraverso di essi continuerà a comunicare con noi insegnandoci l’arte del vivere cristallini, consapevoli, liberi in spirito. Grazie!

  51. Pingback: Il bello di ricredersi « Vorreispiegarviohdio

  52. Che belli insieme!! sono un inno alla vita ed alla gioia di vivere.
    Coraggio Rossana purtroppo di dolore non si muore.
    A me il tuo Walter che neppure mio conosceva mi ha dato veramente tanto.
    Puoi vantarti di aver amato un uomo veramente, eccezionalmente….AUTENTICO:

  53. Caro Walter, la tua epopea non passerà nella mente e nel cuore delle persone che hanno sogni, poesia, amore. Leggevo le “mie montagne” all’età di 6 anni e quel libro ha costruito la traccia emotiva e valoriale della mia crescita. Te l’ho comunicato personalmente ad una delle ultime conferenze, a Cuneo. Mi hai guardato con un sorriso indimenticabile donandomi un commento profondo e riconoscente. Ho voluto toccare la tua mano forte, adusa alla roccia, indomabile nel lanciare in alto la tua figura. Tengo ripiegata in un tuo libro una lettera che mi inviasti in risposta ad una mia. Così come ricordo il nostro incontro sempre a Cuneo anni fa, quando ancora in balìa del dramma del K2 sfogavi una amarezza infinita ed un enorme dolore che risaliva gli anfratti di tutta il tuo intimo. Mi dicesti, io incredulo, che avresti voluto venirmi a trovare quel giorno ma gli impegni te lo impedirono. Buona sorte, mio e di tutti, eroe dell’avventura e di una visione della vita coraggiosa, pura ed onesta. Le tue montagne continueranno ad accoglierti su cime e vallate, ormai libero dai limiti dell’umana sorte. Grazie e un pensiero a chi avevi vicino ed al vuoto che dovrà con coraggio colmare.
    Roberto Ovidi

  54. Non sapevo di questa bella storia d’amore…. Rossana ha conservato gli stessi intensi occhi della sua splendente giovinezza…. non dovrebbero mai riempirsi di lacrime, Walter la vede lassù sulle sue vette più alte!

  55. Ciao Walter,sei stato il punto di riferimento per la mia generazione,esempio di lealtà oltre che di doti straordinarie,ti ricorderò come faccio con le persone a mè più care guardando un bel tramonto,o la livida alba di un mattino d’inverno sui monti innevati,la terra ti sia lieve,e alla tua Rossana l’abbraccio affettuoso di un vecchio alpino biellese.

  56. le mie password spesso sono “bonatti”. come faccio ora a digitare questo nome, sapendolo non più vicino a noi?
    mi ricordo l’emozione di averlo “incontrato” per caso su una spiaggetta dell’Argentario molti anni fa (abbiamo le case vicine). Arrivavo remando una tavola da surf (ora ho una canoa) e nel tirare su lo sguardo, ho notato due mani grandissime e vissute; incuriosita ho tirato su lo sguardo e ho riconosciuto i suoi inconfondibili capelli bianchi. Che emozione! e insieme sono arrivati alla mente i suoi libri le sue fotografie i suoni dei suoi CD di Epoca, ecc avrei voluto abbracciarlo e/o quantomeno stringergli la mano (o farmela stringere) ma ho rispettato la sua privacy. Ciao grande walter e un abbraccio a rossana, snowmary

  57. Vorrei fare le mie condoglianze alla Signora Rossana Podestà. La sento come una persona di famiglia, come sentivo Walter una persona di famiglia. Un uomo che ha riempito i miei sogni di bambina, grazie ai suoi racconti e che sapeva parlare e raccontare col cuore, un cuore immenso. Mi ricordo che ogni storia che leggevo la andavo a raccontare a tutti, entusiasta di tanta bellezza e coi suoi racconti ho fatto innamorare altri. Veramente ha portato tanta bellezza nel mondo, con la sua persona e attraverso i suoi scritti. Ho sognato spesso di poterlo incontrare, negli ultimi anni, solo per stringergli la mano e ringraziarlo. Ma non importa se questo non è stato possibile. Questo riguarda solo me, Walter era pieno di persone che gli volevano bene. Grazie Walter per l’esempio di purezza, grandezza, forza e bellezza che mi hai lasciato.

    Antonella De Carli

  58. Ho potuto fare di persona a Lecco alla villa <gomes le condoglianze alla signora <rossana e ho sentito una gran forza erompere dalla sua persona Rossana e Walter due grandi nelle loro dimensioni rispettive che la vita ha fatto incontrare e che noi abbiamo ammirato Libera Arbini

    • Un grazie sincero di essere andata, a nome di tutti quelli che, come me, non hanno potuto essere presenti. Dò voce ad un pensiero: sarebbe bello commemorare il giorno della scomparsa di Walter con incontro in montagna e con 5 minuti di perfetto silenzio.
      Alessandro

  59. mi piacerebbe tanto poter scrivere alla signora podestà mi ha colpito molto la storia d’amore con bonatti l’ho scoperta solo oggi e mi affascina la loro storia d’amore

  60. l’immensa stima e ammirazione che ho per walter bonatti è intrisa di una piccola stilla di odio:la sua assoluta grandezza e integrità mettono a nudo la mia assoluta mediocrità.
    a ben rivederci walter, a ben rivederci.
    massimo

  61. che bella frase di Rossana ( ci siamo regalati la vita l’uno all’altro ) un’amore grande. tutto ciò mi commuove e mi tocca il cuore.

  62. VORREI FAR PERVENIRE ALLA SIG.A ROSSANA LE MIE PIU’ CARE CONDOGLIANZE PER LA SCOMPARSA DEL GRANDE BONATTI.SONO UN AMANTE DELLA MOMTAGNA DEL CAI DI GENOVA ED HO AVUTO IL PIACERE E L’ONORE DI CONOSCERE WALTER,DI STRINGERGLI LA MANO E DI AVERE UN SUO AUTOGRAFO SUL SUO LIBRO “MONTAGNE DI UNA VITA” DURANTE UN INCONTRO (2004) A CHIAVARI (GE).
    SONO SEMPRE STATO UN SUO AMMIRATORE SIN DA QUANDO NARRAVA LE SUE AVVENTURA SUL SETTIMANALE EPOCA;LE HO RILEGATE E LE CONSERVO CON AFFETTO.
    CORAGGIO SIGNORA ROSSANA….LE FA ONORE AVER AMATO UN UOMO COME WALTER ED ESSERE STATA LA SUA DISCRETA COMPAGNA!
    GIOVANNI

  63. Cara Signora Rossana Bonatti, desidero esprimerle tutto il mio dolore per la scomparsa del grande Walter, che ho sempre seguito nei suoi viaggi intorno al mondo. Anch ‘io, nel mio piccolo, sono un viaggiatore vecchio stile (ho oltre 60 anni). Riguardando i suoi libri e d i reportage di Epoca, ho rivisto molti luoghi che anch’io ho potuto visitare. Poichè faccio mostre fotografiche e conferenze sui miei viaggi, avrò piacere, se mi permette, di ricordarlo anche in futuro, perchè il tempo pian piano deposita su questi grandi personaggi, un velo di oblio a causa di un mondo sempre più veloce e superficiale. Io e la mia famiglia le siamo vicini. Pino Rivalta (Bologna)

    Mail: unjriv@tin.it

  64. Salve sono un grande ammiratore di Walter e vorrei tanto potere incontrare Rossana per poterle parlare almeno una volta nella vita… è raro potere incontrare gente come voi… grazie davide

  65. Walter,uomo mito della mia adolescenza. Ti ho voluto bene. Ti ho salutato in un giorno di sole e vento, è stato dolce e struggente. Il mare, il tuo mare non sarà più lo stesso. Ma tornerò a guardare lontano, come sempre. Ciao. Grazie Rossana, ti vorrei abbracciare. Liliana.

  66. I miti non scompaiono. Mi sono riletto numerosi libri e numeri di EPOCA scritti da Walter. ed ho in preparazione un suo ricordo in occasione di un incontro dedicato agli esploratori delle Ande. Anch’io, amo da oltre 30 anni viaggiare nei vari continenti. Nel 1975 ero alle Cascate Murchison e la gente del posto ricordava ancora la tendina nella spiaggia dei coccodrilli! dove Bonatti si fermò per fotografare i grandi coccodrilli e vivere un’esperienza veramente unica.

  67. Vorrei fare gli auguri aRossana Podesta’, ma non ho riferimenti, sono Gheller Domenico ho 63 anni abito a mestre v. montegrotto 2 tel 041 5344113 se questo le potra’ fare piacere e penso sia così, se lei Gaetano Lo Presti lo potrà riferire, per me c’erano tre persono che non si potevano toccare, perchè pulite sane di mente di corpo,erano il CHE, GARIBALDI, E WALTER BONATTI, potrei elencarne ancora tanti, ma questi mi sono sempre stati cari per tutta la vita. Non aggiungo altro, voglio solo dire che le persone per bene non vanno nell’oblio ma restano tra le persone per bene per sempre.cordiali saluti e buon anno

  68. Sono uno dei tanti , innamorati del Bianco, e della montagna tutta.
    Ho avuto , circa cinque ,sei, anni fa’ appena fuori il villaggio del Peuterey, la fortuna e l’onore di incontrare il mio Mito con sua Moglie. Io me ne stavo andando da solo, al rifugio della noire, e appunto incrocio questa coppia , non mi sembrava neppure vero, il mio Mito Nel posto che adoro di piu’ al mondo, sono stati tutti e due molto Belli con me , abbiamo chiaccherato un po’ e poi io ho proseguito quel giorno ho camminato a un metro da terra, che felicita’ , non me lo scordero per tutta la vita .come avrei voluto abbracciarli tutti e due, ma … pero’ la sretta di mano me la ricordo.
    Stasera ho visto la puntata ,che tempo che fa, dedicata a Lui, mi sono emozionato ,alle lacrime. Ma poi ho visto cosi’ sorridente Rossana che ho sorriso anch’io.
    Mi piacerebbe riincontrare Rossana (ma mi rendo conto che e’ quasi impossibile, sarebbe gia bello leggesse queste mie due righe ) le vorrei dire solo che le voglio bene come del resto ne voglio a Water e ringraziarli. ne parlo al presente perche’ sono certo che Walter e’ ancora vicino a Lei.
    Ogni voltra che posso ,almeno una volta l’anno vado al rifugio a lui dedicato, Io mi chiamo Roberto Zampogna e sono di Genova,
    Vorrei andare anche a trovare Walter credo che sia a Portovenere, ma non ne sono sicuro, se qualcuno me lo puo’ confermare mi farebbe un favore, grazie.

  69. Anch’io ho visto la serata TV dedicata a Walter, è stato emozionante ma dolcissimo rivederlo giovane e risentire la sua voce. Mi sono sentita nuovamente “piccola”. Vedere Rossana sorridente mi ha fatto un grande piacere. Un abbraccio.

  70. Forse sono fuori luogo nn sono una alpinista … per caso ho visto lo speciale si Bonatti in TV dove la sua compagna Rossana Podesta’ portava negli occhi ancora tutto il suo amore per Lui,,, Dietro ogni grande uomo c’è sempre una gran donna e viceversa … Vorrei poterla contattare per mandarle un segnale forte da mandare al mondo femmile … L’uomo nn lo si possiede, nn lo si vincola, nn lo si deve cambiare l’uomo di cui ti innamori lo devi accogliere come Lei ha accolto lui… senza presunzione a cuore aperto… sarebbe un bel messaggio da inviare a questo nostro mondo fatto di possesso l’amore è per prima cosa libertà . GRAZIE

  71. Pingback: tributo a Walter Bonatti « lo scorrere del Ki

  72. mi manchi WALTER ,sono qui, ai piedi dei tuoi monti, ma mi manchi anche quando sono a casa , a genova , vorrei abbracciarti, vorrei abbracciare ROSSANA , ti voglio bene grazie, Roberto
    intanto s’ho che questo non lo leggera’ nessuno , pero’ avevo,ho voglia di dirlo

  73. chiedevo se era possibile incontrare rossana sono un giovane scrittore e alpinista e vorrei fare un libro sulle avventure di una giovane esploratrice, grazie

  74. Dopo aver letto con molto interesse il libro “Una vita libera” desidero esprimere alla gentile signora Rossana Podestà la mia ammirazione per il lavoro svolto con tanta accuratezza e amore, dal quale è emersa anche, secondo me, la grande bontà d’animo di Waler. Le mie congratulazioni ed un cordiale saluto.

    Maria Gabriella Olocco

  75. Sono un operatore video. Qualche anno fa durante alcune riprese in universita’ a Como, mi sembra, mi sono in battuto nella cerimonia di consegna della laurea honoris causa a Walter Bonatti. Visto che ero li, ho filmato la cerimonia. Vorrei fare dono delle riprese alla signora Rossana. Se lo desidera, io mi chiamo Armando Maielli. La mia e-mail e’ a.maielli@live.it

  76. Amo quel tratto di costa e anche nel 2012 sono salita oltre la chiesa in una giornata di sole e vento. In verità col cuore un pò stretto. Ho lasciato per Walter un fossile, un sasso, una conchiglia e una carezza. Mi sono seduta a guardare lontano sul mare. Rossana ti auguro un anno sereno.
    Un abbraccio. Liliana.

    • la storia di Rossana e Walter NON finisce oggi. Continua ad essere scritta dai ricordi di chi li ha conosciuti e non cerca pubblicitá al proprio scriversi addosso…

  77. Se da un lato la scomparsa di rossana mi riempie il cuore di tristezza, dall’altro lato la vedo riunita finalmente con il suo (nostro) Bonatti. credo che questi due anni siano stati per lei, una sofferenza e di conseguenza questo stato d’animo ne abbia accelerato la scomparsa. Resteranno, lei e Walter, sempre nel nostro cuore. Quando viaggio non posso fare a meno di pensare a loro.
    Giuseppe Rivalta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...